angel nieto

Motomondiale: Angel Nieto, la storia del 13 volte iridato diventerà un film

Un film sulla vita e sulla carriera di Angel Nieto. Partito il progetto per omaggiare la leggenda del Motomondiale, parte integrante i figli Pablo e Gelete Nieto.

29 gennaio 2021 - 15:58

La storia di una leggenda delle due ruote diventerà un film. Parliamo di Angel Nieto, considerato il pioniere di quello che è ora il movimento motociclistico spagnolo. A pochi giorni da quello che sarebbe stato il suo 74° compleanno, ecco la conferma che il progetto è già i marcia, anche se chiaramente ancora all’inizio. Parte integrante anche Pablo e ‘Gelete’ Nieto, figli del 13 volte iridato, lo ricordiamo nel Motomondiale attuale rispettivamente come team manager di Sky VR46 e team principal di Aspar Team.

Una carriera lunga 23 stagioni e ricca di successi, certo non semplice da raccontare in un lungometraggio. Ma l’obiettivo sarà di rendere omaggio nel miglior modo possibile ad uno dei piloti tutt’ora più vincenti di sempre. Nello specifico, il terzo di sempre come numero di vittorie: solo gli italiani Giacomo Agostini e Valentino Rossi gli stanno davanti. Come titoli mondiali poi è stabile al secondo posto, superato solo dalle 15 corone iridate conquistate dal leggendario ex alfiere MV Agusta.

“Vogliamo che sia un omaggio alla sua carriera” ha sottolineato il figlio ‘Gelete’ (al secolo, Angel jr) a Diario ABC riguardo al progetto. “Le nuove generazioni non sanno bene chi era mio padre. L’idea sarebbe di cominciare da quand’era bambino, per finire con il suo ultimo titolo mondiale. Ma ancora non c’è nulla di preciso, ci stiamo lavorando. In ogni caso vogliamo farlo bene, in modo che diventi qualcosa alla sua altezza, sia a livello sportivo che umano.”

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

johann zarco motogp

MotoGP, Johann Zarco: “Gigi Dall’Igna era sempre nel mio box”

MotoGP, Jack Miller a Losail

MotoGP, Ducati: nuova salad box, alette, luci e laser per la GP21

leitner ktm motogp

MotoGP, Mike Leitner: “Petrucci è grande, per noi una bella sfida”