Valentino Rossi MotoGP 2019

Valentino Rossi contro il tempo: “Ognuno ha la sua storia”

Valentino Rossi riparte dal test di Valencia per prolungare l'avventura MotoGP oltre il 2020: "Ognuno ha il suo orologio. La mia è una giusta scelta".

19 novembre 2019 - 7:35

Valentino Rossi inizia un’altra stagione MotoGP e lo fa nel test di Valencia. Non un semplice test invernale come i precedenti, ma una prima tappa che porterà ad una decisione importante da qui ai prossimi mesi. Reduce da una stagione altamente deludente, con due soli podi e nessuna vittoria, qualche tarlo nella testa del Dottore è inevitabile. Ma non c’è rassegnazione, anzi. Gli stimoli nascono proprio dalla sfida a invertire la rotta, a risollevarsi da una situazione di stallo in cui è incappato nell’ultimo triennio.

Ulteriori stimoli arrivano da una Yamaha che ha mostrato di volere e saper reagire. Prima con i cambi al vertice, poi con l’instaurarsi di una divisione elettronica in Italia, con l’introduzione del prototipo futuro già a Brno, come avveniva negli anni d’oro. Dal canto suo Valentino Rossi ci ha messo del suo, ha compiuto grandi sforzi senza però vedersi ripagato. Ha cambiato modo di frenare, ha collaudato alcune componenti ancora premature per una M1 che difetta di potenza. Le due sessioni di test a Valencia e Jerez serviranno innanzitutto per innestare correttamente il nuovo capotecnico David Munoz. Una piccola percentuale del suo futuro è nelle mani dell’ex tecnico Sky Racing Team VR46.

OBIETTIVO CONTRATTO PER IL DOTTORE

Più volte il campione di Tavullia ha rimbrottato i suoi uomini all’interno del box, per dei ritardi nell’assumere la giusta strategia. Ultimo in ordine di tempo a Valencia, quando ha miseramente fallito nelle qualifiche. Il prossimo febbraio Valentino Rossi supererà la soglia dei 40 anni, ma non ci sta ad intravedere un possibile ritiro. Ha visto passare generazioni di campioni, ha iniziato prima di Daniel Pedrosa e Jorge Lorenzo e li ha visti appendere il casco al chiodo. E non si tratta solo di infortuni, visto che anche il pesarese ha avuto i suoi incidenti, le sue operazioni. Ma non molla. “10 anni fa non avrei mai immaginato che Pedrosa o Lorenzo si sarebbero ritirati prima di me. Penso che ognuno abbia il proprio orologio interno“, ha detto qualche giorno fa. Bisogna lottare per bloccare le lancette ed evitare l’ora X.

La sveglia di Valentino Rossi non è ancora suonata, il tempo sembra essersi fermato per Valentino Rossi: “l’immortale”, l'”evergreen”, la leggenda che non tramonta mai. Per continuare in uno sport come il motociclismo e in una categoria impegnativa come la MotoGP, è necessario “un grande sforzo, lo puoi fare solo se hai una grande motivazione e ti diverti“. L’ultimo capitolo della sua epopea comincia oggi da Valencia, con un prototipo da cui si attende tanto, ma che sappiamo già non gli offrirà tutto. Il mancante dovrà trovarlo in se stesso, milioni di fan attendono l’annuncio del prolungamento di contratto. “Ognuno ha la sua storia, personalmente penso che la mia scelta sia quella giusta. È una decisione molto personale“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile

miguel oliveira tech3

Miguel Oliveira: “MotoGP in Portogallo? Un sogno, ma…”