MotoGP, Johann Zarco

Test MotoGP, Johann Zarco svela il casco Chakra-Spirit

Johann Zarco svela il suo nuovo casco Chakra Spirit. Fra due giorni il francese sarà in pista nel Test MotoGP a Sepang, per la prima volta con la Ducati.

5 febbraio 2020 - 14:58

Johann Zarco presenta sui social il suo nuovo casco, a due giorni dal primo test MotoGP in sella alla Ducati del team Avintia. Per il pilota francese comincia una nuova avventura con il marchio di Borgo Panigale. Venerdì salirà in sella alla GP19 per prendere confidenza con una moto che richiede un certo periodo di adattamento prima di essere spremuta. Saranno tre giorni di test in cui dovrà macinare giri su giri, prima della seconda uscita prevista a Losail.

Lo scorso novembre Johann Zarco non ha preso parte ai test di Valencia e Jerez, il suo futuro aleggiava ancora nell’incertezza. Ma Gigi Dall’Igna ha rassicurato l’ex pilota KTM, assicurandogli massimo supporto tecnico e importanti aggiornamenti nel corso della stagione. Per il 29enne di Cannes l’obiettivo è puntare al team factory per il 2021, un’impresa non facile, ma neppure impossibile. Infatti dopo le firme di Vinales e Quartararo con Yamaha, la firma ormai prossima di Rins con Suzuki, a Ducati non resta che guardarsi in casa. Zarco dovrà però fare i conti con Danilo Petrucci e Jack Miller a suon di risultati.

Stavolta abbandona il suo casco con la bandiera imperiale giapponese per adottare una filosofia più meditativa, all’insegna dell’equilibrio e della serenità. “Una pagina si sta girando, ora devo essere migliore dei kamikaze per continuare a vivere i miei sogni! Ecco il Chakra-Spirit! Basato sui colori dei 7 chakra simbolici della meditazione. Mi piacciono e mi piace spingere ulteriormente la mente perché sembra senza limiti. Spero – ha concluso Johann Zarco – che lo apprezzerete tutti!”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP, Crutchlow scopre le carte: “Con Honda è finita, Aprilia stimolante”

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e Yamaha Petronas: ipotesi contratto biennale

MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP: Il destino di Andrea Iannone, Cal Crutchlow e il potere degli sponsor