MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Vinales cambia strategia social: “Punto su Instagram e Tiktok”

Maverick Vinales ritorna sulla decisione di cancellare il profilo Twitter. Alla vigilia del round MotoGP a Jerez parla di social e sistema holeshot.

29 aprile 2021 - 19:24

Maverick Vinales ha iniziato il campionato 2021 di MotoGP con una vittoria, un 5° posto, poi l’11°. A Portimao una decisione dubbia della Race Direction l’ha penalizzato nelle qualifiche, proiettandolo dalla prima alla quarta fila in griglia di partenza. Un week-end a prova di nervi quello portoghese, conclusosi con la decisione di cancellare il suo profilo Twitter. Tanto che in conferenza stampa i social si sono rivelati materia di discussione, con opinioni alterne. Anche Jack Miller si era lamentato non poco dei giudizi spropositati di una fetta di follower.

Problemi con i social

Nel giovedì di Jerez, Vinales esclude che la cancellazione dell’account sia legato a quanto accaduto in pista. Quanto alle false notizie circolate sul suo conto, secondo cui avrebbe minacciato Dorna di lasciare il Mondiale. “A volte le cose si inventano. Il problema è che le cose si inventano, creano dubbi, questo è il problema più grande che esiste, perché ci sono tante cose che nessuno sa. Cosa accade all’interno di una squadra nemmeno Dio lo sa, solo la squadra o le persone coinvolte lo sanno“. Difficile far fronte agli attacchi che arrivano dai social network, quindi cambiare strategia… “Ho chiuso Twitter perché le mie priorità sono Instagram e Tiktok, è lì che possiamo davvero avere del potenziale. Volevo lasciare Twitter da diversi anni, ma non avevo mai trovato la situazione. Ho parlato col team che mi guida sui social, abbiamo deciso di puntare su Instagram e Tiktok“.

Aspettando il nuovo holeshot

L’attenzione è concentrata sul prossimo impegno di MotoGP a Jerez. Qui nel 2020 Fabio Quartararo ha vinto due gare su due, a dimostrazione che la YZR-M1 si destreggia perfettamente tra le curve tecniche andaluse. Maverick Vinales arriva occupando il terzo posto in classifica, a 20 punti dal leader e compagno di box. “Sono venuto qui a Jerez per dare il massimo. Sia la moto che la squadra sono ad alto livello. Portimao è stata una conseguenza delle qualifiche“. Inoltre i piloti Yamaha restano in attesa del nuovo sistema holeshot per migliorare la partenza. “Al momento non lo avremo perché non è arrivato niente. Dobbiamo fare un test, provarlo… Dobbiamo fare meglio con quello che abbiamo… Penso che possiamo fare un ottimo risultato, ma dobbiamo iniziare a costruirlo dalle FP1“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jack Miller sulla Ducati GP21

MotoGP, holeshot Ducati: nessuno provi a vietarlo!

bestia martin maro sava motogp

MotoGP, rookie a confronto: Bastianini, Martín, Marini e Savadori dopo 4 GP

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy