MotoGP: Valentino Rossi “Mi opero alla spalla a fine 2010”

Prevista fine stagione: "Non ce la faccio, troppo male"

14 settembre 2010 - 14:11

Alle volte basta una telecamera ben posizionata ed un microfono aperto ad anticipare le mosse anche di un 9 volte Campione del Mondo come Valentino Rossi. E’ successo nel corso di una conferenza stampa all’Autodromo Internazionale del Mugello dove Rossi era presente per dare il via ufficiale all’Italian Legendary Tour organizzato dal suo sponsor personale Dainese, con la presenza di altri due testimonial come Kevin Schwantz e Giacomo Agostini.

Proprio in una chiacchierata con Ago, Valentino ha anticipato che si farà operare alla spalla a fine stagione, come già si era parlato nelle ultime settimane. Sky Sport 24 ha ripreso il dialogo, che qui riportiamo.

Il problema mio è la spalla, lo sai…tocca operarmi alla fine dell’anno, non ce la faccio… (faccia sconsolata). Eh mi fa male, mi fa male, non guarisce…

Valentino Rossi si era infortunato la spalla destra in un incidente con la moto da cross alla vigilia del Gran Premio, poi posticipato, del Giappone a Motegi. L’entità dell’infortunio è presto chiarita: distorsione alle parti muscolare, capsulare e legamentosa della spalla.

Da tempo si parlava di un problema da molti sottovalutato che ha costretto, per stessa ammissione di Valentino, a non correre al meglio nelle gare antecedenti l’incidente del Mugello. Per Rossi c’era stata la possibilità di operarsi nel corso della riabilitazione della doppia frattura di tibia e perone, ma ha preferito rimandare tutto a fine campionato per recuperare quanto prima e risalire in sella.

Resta da definire soltanto la data dell’intervento chirurgico, compatibilmente con i (probabili) test con la Ducati a Valencia e Jerez già nel prossimo mese di novembre.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

crutchlow motogp

MotoGP, Cal Crutchlow: “Cambi di manubrio e di posizione in moto”

MotoGP, Valentino Rossi a Brno

MotoGP, Valentino Rossi: “Brno? Il problema sono i soldi”

Oliveira MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “Suzuki, Ducati e Yamaha sono veloci, ma…”