brad binder

Brad Binder e Iker Lecuona, il debutto dei rookie KTM a Valencia

Brad Binder e Iker Lecuona, i due nuovi volti di KTM al debutto nei test ufficiali a Valencia. "Impressionante, un altro mondo" ha dichiarato il vice-campione Moto2.

20 novembre 2019 - 8:39

Oltre ad Alex Márquez al debutto in MotoGP, abbiamo altri due rookie in arrivo dalla Moto2, entrambi in forze in KTM. Brad Binder e Iker Lecuona sono le due scommesse della struttura austriaca per la prossima stagione. Il vice-campione Moto2 è all’esordio nella squadra ufficiale, nuovo compagno di box di Pol Espargaró. Il secondo è nel team satellite Tech3. Da dire che lo spagnolo ha alle spalle un weekend di gare come sostituto dell’infortunato Oliveira, suo compagno di squadra nel 2020. Ora però è al lavoro a tutti gli effetti come rookie della categoria regina, protagonista anche di un incidente senza conseguenze nel corso della prima giornata di test.

Quello che non manca ai due ragazzi dopo il martedì in pista è un largo sorriso, la soddisfazione di aver mosso i primi passi tra i migliori. “Incredibile, è proprio un altro mondo” ha dichiarato Brad Binder, che per questa nuova esperienza ha scelto il numero 33 (il suo 41 è occupato da Aleix Espargaró). “La MotoGP è pazzesca, e ancora non ho un’idea precisa di come si comporti. Il feeling però è già incredibile, non importa se sono veloce o lento adesso.” Il programma per la seconda e ultima giornata di test è uno: “Cerchiamo di completare più giri possibili, provando a migliorare sempre. Non possiamo fare molto adesso, è solo una questione di feeling e stile di guida.”

Come detto, Iker Lecuona è già stato schierato a Valencia da Tech3, vista l’indisponibilità di Oliveira. Non per questo lo spagnolo ha avuto meno lavoro da fare. “Primo giorno ufficiale in questa squadra come pilota MotoGP” ha sottolineato il giovane pilota valenciano. “Nessun cambiamento alla moto per il momento, ho solo lavorato sul mio stile di guida. Certo, devo continuare a migliorare, ma per ora sono soddisfatto. Ho chiuso la prima giornata in 13° posizione, a 1.4 dal primo, mettendo assieme un buon numero di giri con tempi costanti. Al momento tutto ok.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati