MotoGP, Test Catalunya: Valentino Rossi deluso “Non siamo migliorati”

Valentino Rossi chiude la giornata di test MotoGP in Catalunya al 14° posto. Nessun miglioramento dagli aggiornamenti portati da Yamaha. Piccoli passi avanti per Maverick Vinales a serbatoio pieno.

18 giugno 2018 - 18:42

La giornata di test al Montmelò non porta nulla di buono in casa Yamaha. Valentino Rossi è sceso in pista con una M1 con un nuovo serbatoio, per provare una diversa distribuzione dei pesi, e alcuni aggiornamenti di elettronica. Ma entrambe le soluzioni si sono rivelate inefficaci per fare un ulteriore step in vista dei prossimi appuntamenti prima della pausa estiva. Ad Assen e a Brno il Dottore continuerà ad affidarsi alla moto attuale in attesa che da Iwata arrivino altre novità ben più sostanziose (qui cronaca e tempi finali del test)

Il lunedì di Catalunya si chiude con il 14esimo posto per Valentino Rossi, con un gap di 1,2″ rispetto al miglior crono di Marc Marquez e un ritardo di ben 8 decimi rispetto al tempo delle qualifiche del sabato. “Per questo test abbiamo avuto alcuni nuovi componenti disponibili per migliorare l’accelerazione della Yamaha. Tuttavia, nonostante il lavoro intenso e altri dettagli, non siamo stati in grado di migliorare le nostre prestazioni e l’accelerazione“, ha ammesso Valentino Rossi. “Il nuovo pneumatico anteriore Michelin mi ha fatto una buona impressione“, ha aggiunto il tavulliese, ma se verrà confermato sarà utilizzato solo a partire dalla stagione 2019.

Non resta che attendere il prossimo test di Brno a metà luglio, prima della pausa, per trovare nuovi aggiornamenti che possano aiutare nella seconda metà di campionato. Non resta che stringere i denti. “Ora però il piano è di continuare a correre con la moto di ieri anche nelle prossime gare, sperando di migliorare nel prossimo test. Basta questa moto per vincere? Voi cosa ne pensate? Comunque ci proveremo – ha assicurato Valentino Rossi –, ci proveremo di sicuro“.

VINALES E IL PROBLEMA SERBATOIO PIENO – Maverick Vinales ha lavorato sul problema principale dei primi giri, quando il serbatoio è pieno, “perché questa è la mia più grande sfida in gara. Alla fine, abbiamo migliorato molto a tale riguardo, il che mi rende molto felice“, ha affermato il talento di Figueres. “Ho solo cercato di sedermi un po’ più indietro“, prendendo ispirazione dalla M1 di Johann Zarco sebbene sia una moto diversa. “Nel complesso, abbiamo fatto un buon lavoro, ma dobbiamo confermarlo nelle prossime gare. So dove migliorare“. Viñales e il suo equipaggio hanno anche testato diversi set-up, ma non c’è stato tempo per saggiare la nuova gomma anteriore Michelin. “Alla fine, abbiamo fatto in modo che la gomma anteriore funzionasse meglio. Ho sempre guidato circa dieci giri di fila, quindi la distanza di metà gara. Spero che possiamo confermare i progressi ad Assen. Abbiamo anche ricevuto un piccolo aggiornamento sull’elettronica, ma non ha portato i progressi previsti“.

MES Experience a Franciacorta: tutte le info utili

SBK Misano: i biglietti e le offerte disponibili

MXGP Videopass: prezzi e offerte disponibili

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Motoestate show a Franciacorta: tutti i vincitori e i protagonisti

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”

British Talent Cup: Seabright e Horsman vincenti a Snetterton