Marc Marquez

MotoGP, Phillip Island: GP imprevedibile, ma alla fine vince Márquez

Phillip Island ospita uno dei GP più intensi del 2019, ma alla fine la vittoria va a Marc Márquez. Sul podio anche Cal Crutchlow e Jack Miller.

27 ottobre 2019 - 5:56

Il tracciato di Phillip Island è sempre il territorio ideale per gare che si rivelano tutto tranne che prevedibili. Non lo è davvero infatti l’edizione 2019 del GP, anche se così sembra dal nome del vincitore. Marc Márquez infatti ha ragione di Maverick Viñales solo all’ultimo giro, complice anche la caduta finale dello stesso. Cal Crutchlow è secondo, esulta Jack Miller, che agguanta un bel terzo posto davanti al suo pubblico. Guarda qui la spettacolare partenza a Phillip Island

Succede di tutto al via di questo Gran Premio d’Australia. Scattano al meglio Quartararo e Viñales, che vengono poi superati da Rossi, Crutchlow e Iannone. Finisce alla seconda curva la gara del rookie francese, colpito da Petrucci, vittima di un highside. Quello che si vede nei giri successivi era decisamente impensabile: abbiamo un combattivo gruppetto di nove piloti in fuga, formato dalle due Aprilia, le due Yamaha ufficiali, Márquez, Crutchlow, Rins, Dovizioso e Miller.

Dopo aver regalato spettacolo per parecchi giri, il gruppo inizia a sgranarsi: Viñales e Márquez prendono il largo, con Crutchlow che per un po’ prova a tenere il passo, mentre gli altri, agganciati in seguito anche da Mir e Bagnaia, lottano per il quarto posto. Al comando la lotta si infiamma sul finale: Marc Márquez passa in testa, Viñales cerca di resistergli ma cade. Via libera per una nuova vittoria del campione in carica, secondo è Cal Crutchlow, festeggia Jack Miller, a podio sul tracciato di casa.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

jorge martin motogp

MotoGP: Jorge Martín, triplo intervento riuscito. Rientro al Mugello?

motogp iker lecuona

MotoGP: Iker Lecuona, così non va. Poncharal: “Non so cosa dire”

remy gardner moto2

Moto2, Remy Gardner: “Bravo Raúl, ma la prossima volta vinco io!”