MotoGP: Morbidelli miglior indipendente, sfortuna Quartararo

GP agrodolce per Petronas Yamaha SRT. Franco Morbidelli chiude come miglior pilota di team indipendente, Fabio Quartararo ritirato per un problema meccanico.

6 maggio 2019 - 9:07

Gara a due facce per il Petronas Yamaha Sepang Racing Team a Jerez. Dopo il sabato di gloria con la strepitosa pole position di Fabio Quartararo e l’ottimo secondo posto di Franco Morbidelli, il GP è stato più difficile. L’italiano, a lungo in zona podio, ha perso in seguito qualche posizione, chiudendo 7° e diventando per la prima volta nel 2019 il miglior pilota di un team indipendente. Molto più sfortunato il rookie francese, in lacrime dopo essere stato costretto al ritiro per un problema al cambio quando si trovava in seconda posizione. Una favola, quella dell’esordiente team satellite Yamaha, che non ha avuto il suo lieto fine, almeno per questa volta.

Morbidelli guarda il lato positivo, trattandosi della seconda top ten consecutiva. “Per noi è stato un buon fine settimana” ha dichiarato. “Ad inizio gara siamo stati veloci, avevamo il ritmo dei primi. Mi sentivo bene anche con le gomme, anche se giro dopo giro la situazione è cambiata e ho dovuto rallentare. Alla fine sono riuscito a gestire bene la situazione, lottando per il posto di miglior pilota di un team indipendente con Crutchlow. Abbiamo ottenuto questo risultato per la prima volta, è un fatto positivo che dobbiamo ripetere ancora. Si vedono i progressi che stiamo compiendo. Ora dobbiamo concentrarci sui test per prepararci al meglio per Le Mans.”

Come detto, peccato per Quartararo, apparso molto competitivo anche in gara e fermato da un problema tecnico alla sua M1. “Sono sia deluso che felice” ha detto. “La gara è andata bene, è stato fantastico girare con i primi. Andava tutto bene finché non c’è stato un piccolo problema al cambio che ci ha costretto ad abbandonare la gara. Nonostante ciò, sono contento del lavoro che abbiamo svolto, dobbiamo continuare così anche nelle prossime gare. La squadra è stata fantastica, ma in questo sport ci sono cose che non puoi controllare. Guardiamo però il lato positivo: nessuno si aspettava che avessimo un ritmo da podio e che conquistassimo la pole position dopo quattro gare. Non vedo l’ora di disputare il Gran Premio di casa.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati