Maverick Viinales

MotoGP, Maverick Vinales: “Impossibile superare una Ducati”

Maverick Vinales conquista il terzo posto in classifica. Ma a Motegi è ancora Quartararo il miglior pilota Yamaha: "Le qualifiche sono fondamentali".

21 ottobre 2019 - 16:28

Maverick Vinales ha mancato il podio per poco più di 1″, al termine di una lunga rincorsa su Andrea Dovizioso. Agguanta il terzo posto in classifica piloti a pari punti con Alex Rins, ma ancora una volta il miglior pilota Yamaha è Fabio Quartararo. “Ho provato di tutto con Dovi. L’ho superato una volta – racconta ad ‘AS’ -, ma me lo ha restituito sul rettilineo. Sappiamo che la nostra moto necessita ancora di massima velocità per avere l’opportunità di sorpassare“.

Nei primi giri con serbatoio pieno Vinales da tempo lamenta qualche problema che svanisce progressivamente nella seconda parte di gara. Ma è consapevole che le qualifiche diventano sempre più importanti per restare allacciato al gruppo di testa. Ritrovarsi una Ducati davanti è un nodo difficile da sciogliere: “Corrono di più e frenano più tardi. Possiamo approfittare del passo in curva, ma se sei dietro è impossibile. Aveva più ritmo negli ultimi due o tre giri e se n’è andato“. Il pilota spagnolo, alla pari di Valentino Rossi, chiede da tempo di intervenire sul motore dopo i passi avanti sull’elettronica. Il gap da Honda e Ducati resta sostanzioso, in certe situazioni sfiora i 10 km/h. “Tocca alla Yamaha fare un salto su questo aspetto e continuare a migliorare“.

Fabio Quartararo e Maverick Vinales avevano un passo simile, ma a giocare a favore del francese la partenza dalla prima fila. “Con la nostra moto è difficile superare, è essenziale andare al primo o al secondo posto nelle qualifiche“. L’obiettivo è migliorare nei primi giri di gara e la top speed in vista del prossimo anno. A breve termine c’è il terzo posto da conquistare come degno premio di consolazione. “A Phillip Island sono stato sempre molto veloce e quest’anno possiamo fare bene“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

brad binder ktm motogp

MotoGP, Brad Binder: “Test Misano? All’inizio mi sentivo perso”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi ritorna sulla Ferrari GT3: “Che bello risalire sulla Bestia”

syahrin moto2

Moto2, Hafizh Syahrin: “Devo lavorare sui miei punti deboli”