MotoGP: la grande gara di Mika Kallio a Jerez

Da ultimo in griglia a settimo sul traguardo

6 maggio 2010 - 9:57

Nella MotoGP è il dettaglio, spesso, a fare la differenza, oltre che un equilibrio generale della moto che consenta al pilota di esprimersi al meglio. Lo ha capito in prima persona Mika Kallio a Jerez, che in meno di 24 ore è riuscito a passare dall’ultima posizione nelle qualifiche ad un eccellente settimo posto in gara.

Il “Rookie of the year” 2009 della MotoGP ha risolto insieme ai tecnici del Pramac Racing Team, Fabiano Sterlacchini in testa, a trovare una messa a punto ideale dopo le qualifiche ufficiali. Il risultato? Una bella partenza ed un passo che l’ha portato, duellando con Melandri, Simoncelli e De Puniet, a ricoprire il ruolo di primo pilota privato in classifica a Jerez.

E’ stata una delle mie più belle gare da quando sono in MotoGP“, ha ammesso Mika Kallio. “Ho avuto un’ottima partenza che non mi ha fatto perdere il distacco dal gruppo dei migliori: ho recuperato fin dal primo giro quattro posizioni e giro dopo giro ho visto che le modifiche fatte sulla moto mi permettevano di mantenere un buon ritmo.

Mi sono divertito tantissimo a lottare con Simoncelli, Melandri e De Puniet. Negli ultimi quattro giri sono riuscito a posizionarmi davanti al gruppo che lottava per la settima posizione mantenendola fino al traguardo. Sono molto contento del risultato ottenuto oggi per il team e per i tecnici che mi hanno sempre supportato durante tutto il weekend“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez: rientro a casa anticipato di 24 ore

smith aprilia motogp

MotoGP, Bradley Smith: “Alla Aprilia RS-GP 2020 manca tempo in pista”

Nagashima Moto2

Moto2: Nagashima all’attacco a Brno per difendersi dagli italiani