Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “La priorità è rinnovare con Honda”

Jorge Lorenzo attende la Honda 2020 nei test di Valencia e Jerez. Fine contratto anticipato? Il maiorchino spiazza tutti: "La priorità è rinnovare".

12 novembre 2019 - 15:28

In 18 anni di carriera la stagione 2019 è sicuramente la più triste per Jorge Lorenzo. Non solo per l’insufficienza dei risultati (11° a Le Mans come miglior piazzamento), ma anche per le sue condizioni fisiche ancora precarie. Dopo una scia di infortuni susseguitisi da Aragón 2018, ad Assen è arrivata la botta finale alle vertebre. Una situazione delicata e che continua a richiedere tempo e pazienza per guarire completamente. Nonostante tutto il maiorchino è ritornato in sella alla sua Honda RC213V stringendo i denti e proseguendo la fase di apprendimento di una moto assai difficile.

A Phillip Island ha toccato il fondo registrando un ritardo di 66 secondi dal vincitore Marc Márquez. Da allora si sono ulteriormente intensificate le voci di un possibile addio anticipato. Ma sia i vertici HRC che Jorge Lorenzo hanno sempre seccamente smentito. Dopo Assen ha trascorso quasi due mesi senza potersi allenare, la condizione fisica è calata rapidamente. E con una RC213V così aggressiva i muscoli degli arti superiori e della schiena recitano la loro parte. “Ci vuole molto tempo per guarire. Ma non sono riuscito a fermarmi perché abbiamo tante gare – ha detto il pentacampione a Crash.net -. Ogni volta che faccio una gara, per due giorni ho dolore alla schiena. Quindi mi riprendo e devo correre di nuovo. Non ho avuto uno o due mesi di totale recupero. Questo penso sia quello di cui ho bisogno alla fine della stagione“.

LORENZO PREPARA IL GRANDE RITORNO

Da Valencia in poi proverà diverse nuove componenti per il 2020. “Sanno esattamente cosa provo e cosa penso che dovrebbero fare o qual è la priorità principale. Ma una cosa è sapere cosa devi fare, un’altra cosa è farlo, metterlo in pista e vedere se funziona davvero“. Nel corso del campionato MotoGP Jorge Lorenzo ha lavorato tanto sull’ergonomia, ma nella sua visita in Giappone ha parlato anche di altre aree su cui apportare modifiche. Apparentemente non si lascia scalfire dalle continue voci di un possibile divorzio anticipato dalla Honda. “Credo che faccia parte del lavoro di un giornalista“, ha stigmatizzato il maiorchino. La strada che vuole perseguire è quella del rinnovo per il 2021. “Se i risultati miglioreranno la priorità è rinnovare il contratto. Se non sarà così prenderemo direzioni diverse“.

Prematuro parlarne quando manca ancora una gara alla fine del Mondiale 2019, con una serie di test ancora da eseguire. Solo le prime gare del 2020 potranno dare il responso definitivo. “Pensare di vincere una gara è molto difficile da immaginare. Ma per farlo, devo essere molto, molto più vicino al più veloce. Al momento non è possibile. Sì, in MotoGP tutto può succedere. A volte puoi essere fortunato, ma non voglio vincere una gara essendo fortunato o approfittando di una strana condizione. Voglio vincere una gara – ha concluso Jorge Lorenzo – perché me lo merito e sono abbastanza veloce da battere tutti“.

1 commento

igormasi91_14507847
20:59, 12 novembre 2019

Jorge ma che faiiiiiiij ci mancano i tuoi giri martello sei unico quando sei apposto con la testa
Ritrovati al più presto ci manca il pilota pulito e martellante
22giri girando quasi sempre allo stesso tempo
Unico

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile

miguel oliveira tech3

Miguel Oliveira: “MotoGP in Portogallo? Un sogno, ma…”