Valentino Rossi e Fabio Quartararo

Quartararo, Petrucci, Rossi: a Valencia sarà sfida a tre

Fabio Quartararo, Valentino Rossi e Danilo Petrucci a Valencia si contenderanno il 5° posto finale. Il rookie francese può confermarsi miglior indipendente.

12 novembre 2019 - 15:35

La stagione 2019 ha chiuso anzitempo i giochi iridati, ma a Valencia Fabio Quartararo è chiamato ad una sfida a tre con Valentino Rossi e Danilo Petrucci. Sarà un bel duello per contendersi il quinto posto finale in classifica piloti. Per ognuno sarebbe un’iniezione di fiducia in vista dei test IRTA e del prossimo Mondiale. Il Dottore è reduce dal quarto posto di Sepang, ha sfiorato il podio per un soffio, ma ha ritrovato un buon feeling con il posteriore della sua Yamaha M1. Dopo diverse gare in apnea, ha potuto spremere senza troppo preoccuparsi dell’usura del posteriore, complice una pista contrassegnata da diversi curvoni.

Alle spalle di Alex Rins c’è Danilo Petrucci a quota 176, ma nelle ultime sei gare non è mai andato oltre il 9° posto. Il pilota Ducati lamenta mancanza di trazione in sella alla sua Desmosedici, con le alte temperature tutto diventa più difficile per un pilota della sua stazza. Inutili i tentativi apportati dai tecnici di Borgo Panigale, ha progressivamente perso la terza piazza in classifica. Gli unici acuti in Thailandia e in Australia, dove ha chiuso le qualifiche in seconda fila. Come detto, Petrucci ha 176 punti in classifica, Quartararo segue a 172 , 166 per Valentino Rossi. Tre piloti raccolti in una finestra di dieci punti. Il vero favorito è il francese del team Petronas SRT, già best rookie of the year e ad un passo da confermarsi miglior pilota indipendente.

Un errore al semaforo verde di Sepang lo ha retrocesso in settima posizione finale, ma non macchia certo la sua brillante stagione da esordiente. Sei podi e cinque pole position, traguardi impensabili anche per il più azzardato degli scommettitori. “L’obiettivo è terminare bene l’anno con un buon risultato a Valencia – ha dichiarato Fabio Quartararo -. Siamo vicini al raggiungimento del campionato piloti indipendenti, con il distacco da Jack [Miller] di oltre venti punti. Quindi un altro obiettivo sarà quello di gestirlo in modo efficace. Il set-up della nostra moto è completamente diverso da come era quando ho guidato Valencia per l’ultima volta dodici mesi fa. Ho più esperienza come pilota e anche il team ha più esperienza. Stavolta dovremmo essere più veloci“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile

miguel oliveira tech3

Miguel Oliveira: “MotoGP in Portogallo? Un sogno, ma…”