MotoGP: Joan Mir non disputerà il GP d’Austria

Joan Mir fuori gioco per il Gran Premio d'Austria per una forte contusione polmonare. Si opta per un riposo precauzionale, non verrà sostituito.

8 agosto 2019 - 9:25

Il Team Suzuki Ecstar si presenta al Red Bull Ring con il solo Alex Rins. Joan Mir infatti non correrà a causa di una contusione polmonare riportata in seguito ad un incidente lunedì a Brno. Per precauzione si è deciso di tenerlo a riposo per questo GP, permettendogli di tornare per la tappa a Silverstone dal 23 al 25 agosto. Non sarà sostituito.

Lunedì i piloti MotoGP si sono fermati in Repubblica Ceca per una giornata di test. Nel corso dell’ultima ora Joan Mir si rende protagonista di un importante incidente, che desta anche qualche preoccupazione vista la conseguente bandiera rossa e poi l’entrata in pista dell’ambulanza. Il pilota Suzuki è stato portato immediatamente in ospedale per tutti gli esami del caso, per escludere così qualsiasi lesione importante.

Mir non ha riportato fratture, ma una forte contusione ai polmoni, oltre a lividi ed escoriazioni sparsi per tutto il corpo, volto compreso. Da due giorni il pilota è in ospedale sotto osservazione, ma è previsto che nelle prossime ore venga dimesso. Come detto, non andrà in Austria, ma andrà in Spagna alla Clinica Dexeus per svolgere ulteriori controlli. In seguito tornerà a casa per iniziare il recupero.

“L’incidente è stato importante” ha dichiarato Joan Mir. “Ho preso tanti colpi rotolando nella ghiaia. All’inizio faticavo a respirare, ma poi la situazione è migliorata. Al Hospital Dexeus mi sottoporrò ad altri esami per controllare che tutto sia a posto, poi tornerò a casa. Mi dispiace non poter correre in Austria, mi sentivo bene con la moto, ma cercherò di riprendermi per il GP a Silverstone.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo a Motegi per il ringraziamento Honda

johann zarco

Johann Zarco: “Ho davanti 3-4 stagioni da vivere al massimo”