MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo avvisa Yamaha: “Ducati è una opzione”

Fabio Quartararo vuole vincere il Mondiale e punta al team ufficiale. Il suo destino passa per le mani di Rossi e Vinales, ma Ducati è un'opzione possibile.

16 dicembre 2019 - 13:21

Fabio Quartararo viene indicato da Marc Marquez come il principale contendente al trono della MotoGP nel 2020. Nella sua stagione da rookie ha abbondantemente superato le aspettative, tanto da lasciare un po’ di amaro in bocca per la mancata prima vittoria. In Yamaha si tenta di blindare il gioiellino francese. Nel corso della stagione 2019 ha già ricevuto qualche aggiornamento “fuori programma”, il prossimo anno avrà una M1 ufficiale. Per il biennio 2021-2022 i vertici Yamaha proveranno a portarlo nel team factory, ma molto dipenderà dalle sorti di Valentino Rossi e Maverick Vinales.

Soprannominato il diavolo sin dall’infanzia, quando acquistò un casco con questa scritta. L’appellativo gli è rimasto, ma solo in pista. “Per me essere un diavolo significa voler essere sempre avanti. Quello che è certo – ha detto Fabio Quartararo a ‘Marca’ – è che non mi piace essere nelle posizioni dietro“. Sarà una lunga sfida contro uno dei piloti migliori di tutti i tempi, Marc Marquez. Non sarà semplice per chiunque almeno per il prossimo quinquennio, lui è un dio, l’angelo e il diavolo insieme. “È il migliore, ma sta ancora migliorando… Non è un pilota normale“. E come si può battere l’otto volte iridato? “Non lo so perché non l’ho ancora vinto. Ciò che è certo è che devi lavorare molto duramente, dobbiamo continuare a lavorare su questa linea. Quest’anno ho pensato quasi solo alla mia carriera sportiva, più che alla mia vita o al divertimento“.

QUARTARARO VUOLE IL TEAM UFFICIALE

Il suo destino è per certi versi nelle mani di Rossi e Vinales e delle loro scelte future. Non nasconde di aver parlato con Ducati, un buon modo per sedersi al tavolo delle trattative con il coltello dalla parte del manico. “In passato ho avuto brutte esperienze nel pensare troppo presto al futuro. In questo momento sono alla Yamaha Petronas, ma, come ho già detto, abbiamo diverse opzioni. Per ora stiamo bene – ha aggiunto Fabio Quartararo -, ma dobbiamo valutare tutte le opzioni. Non ho fissato alcun obiettivo o marchio specifico“.

Passare in Ducati potrebbe essere una scommessa. In molti hanno fallito sulla Desmosedici, mentre con la M1 ha già instaurato un rapporto ottimale. Una scelta dettata solo dal denaro? “Ducati può avere questa reputazione, ma non la vedo in questo modo. Quanto darà la Honda a Marc Marquez? Potremmo dire che ci sono soldi anche in Honda – ha concluso l’astro nascente della MotoGP -. Non cambierò mai per denaro, ma solo per le moto“. Vincere il Mondiale con un team satellite è possibile, con una scuderia ufficiale è certamente più facile. Il messaggio subliminale ai vertici Yamaha è arrivato forte e chiaro.

1 commento

leonardo.pieri_14542579
18:44, 16 dicembre 2019

Gran prospetto Quartararo, vorrei ricordare a tutti peró che ha alternato periodi in cui andava molto forte a fasi in cui andava di meno nelle categorie minori, il suo miglior risultato in un mondiale è stato il 5° posto finale di quest’anno e finora ha vinto 1 gara nel motomondiale.
Per quest anno lo vedo ancora uno step sotto a Dovi e Vinales (e 2 step rispetto a marquez).

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pecco Bagnaia

MotoGP, Pecco Bagnaia re delle Michelin: nel 2021 sarà Ducati factory

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi apre agli spagnoli? Pablo Nieto: “In VR46 serve il meglio”

MotoGP, Piero Taramasso

MotoGP, gomme Michelin nel mirino: la risposta di Piero Taramasso