Gigi Dall'Igna

MotoGP, Ducati-Jorge Lorenzo: Dall’Igna svela i retroscena

Gigi Dall'Igna confessa di aver cercato Jorge Lorenzo e di aver provato a metterlo sulla Ducati Pramac. Poi smentisce l'ipotesi KTM: "Non sono sul mercato"

11 agosto 2019 - 15:54

Seconda vittoria stagionale per Ducati e Andrea Dovizioso, ma nel box della Rossa continua ad aleggiare una certa tensione dopo il mancato affare Jorge Lorenzo. Gigi Dall’Igna conferma di aver cercato il maiorchino per il 2020, ma la contrattazione non andrà in porto. Pramac e Jack Miller nei prossimi giorni annunceranno il rinnovo per un anno, sebbene le parti stiano ancora definendo gli ultimi dettagli.

Ma tra il Direttore Generale e Andrea Dovizioso non tira una buona aria, nonostante il trionfo al cardiopalma del Red Bull Ring. “Una prestazione così di Dovizioso non può che far piacere. Un ultimo giro stupendo, un’ultima curva clamorosamente bella, non si può che fare i complimenti“, ha commentato Gigi Dall’Igna a Sky Sport MotoGP. La gara austriaca (tempi e classifica QUI) mette in risalto i passi da gigante compiuti dai tecnici HRC durante l’inverno scorso. “Sicuramente Honda è cresciuta tanto soprattutto in termini di velocità, ha fatto un grosso sforzo dal punto di vista motoristico e aerodinamico. Su questa pista qua era sicuramente più competitiva, a maggior ragione la vittoria di Dovizioso è ancora più importante“.

DALL’IGNA SMENTISCE L’IPOTESI KTM

Gigi Dall’Igna non nega di aver cercato Jorge Lorenzo nelle settimane precedenti, ma Honda non ha concesso semaforo verde. La risposta è che i contratti vanno rispettati, Ducati deve accusare il colpo. “Alla fine sono il Direttore Generale di Ducati Corse e devo cercare di mettere sulle nostro moto i migliori piloti possibili. Se c’è una possibilità quantomeno è doveroso andarla a verificare. Se questa opportunità si può concretizzare o no dipende da tanti fattori, ma fa parte del mio lavoro andare ad analizzare ogni situazione per cercare il miglior pilota. Non lo faccio solo io, ma anche Honda, Yamaha e chiunque altro. L’opportunità non è più aperta, stiamo lavorando per chiudere con Miller“.

Pensare al ritorno di Jorge Lorenzo non può significare una delegittimazione dei piloti presenti? “Quando la Honda ha scelto Lorenzo non voleva delegittimare Marquez. Anche noi abbiamo la moto libera di Miller, quindi eravamo nelle stesse condizioni“. Poco prima della gara austriaca KTM ha annunciato che a breve darà una notizia sorprendente. Qualcuno pensava all’ingaggio dell’ingegnere Dall’Igna, ma lo stratega di Borgo Panigale smentisce: “Non sono il miglior tecnico, non ho ancora vinto un Mondiale, ma non sono sul mercato“.

Misano MotoGP: Biglietti scontati per i lettori di Corsedimoto

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

Valentino Rossi: politica, famiglia, Italia e popolo giallo

Romano Albesiano

MotoGP, Albesiano: “Andrea Iannone fatica ad adattarsi all’Aprilia”

Marc Marquez pilota Repsol Honda

Marc Marquez sfodera le nuove armi: telaio, ali e spoiler