MotoGP Catalunya: Aprilia, un’altra battuta a vuoto

I GP passano ma i risultati della RS-GP non si vedono. Aleix Espargaro a terra, Scott Redding dodicesimo posto

17 giugno 2018 - 15:03

Aleix Espargaró ha compromesso con una caduta la possibilità di un buon piazzamento nella gara catalana della MotoGP. Costretto a partire dalla settima fila dopo le qualifiche non positive e per una penalità inflittagli dopo il warm up (quando si è trovato involontariamente in traiettoria danneggiando Jorge Lorenzo) che lo ha retrocesso di tre posizioni, Aleix si è trovato costretto a sorpassare da subito molti piloti. Ma dopo aver compiuto qualche sorpasso è caduto, senza conseguenze fisiche.  Scott Redding, al termine di un weekend che lo ha visto guadagnare confidenza con la RS-GP, ha condotto una gara intelligente. Una volta trovato un buon passo ha tenuto un ritmo molto regolare che gli ha permesso di risalire diverse posizioni e, complici anche alcune cadute, di conquistare il dodicesimo posto.  (qui cronaca e classifica del GP)

Uno dei miei weekend più difficili, solitamente su questa pista riesco ad essere competitivo ma non questa volta” ha ammesso Aleix Espargaro. “Abbiamo fatto delle modifiche importanti sulla RS-GP rispetto a ieri e onestamente mi sentivo molto meglio, sia nel warm up che in gara. Purtroppo tutto è stato compromesso con la qualifica di ieri, a cui si è aggiunta la penalizzazione di questa mattina. Partivo molto indietro e ho recuperato subito molte posizioni, poi purtroppo è arrivata una scivolata stupida in una curva dove non mi aspettavo di poter cadere. I test di domani saranno fondamentali per noi, dobbiamo cambiare qualcosa a livello di setting per uscire da questo periodo complicato”.

Scott Redding ha detto: “Non è stata una brutta gara, erano tutti in difficoltà con il grip mentre la situazione per me era simile alle altre gare. Generalmente durante tutto il weekend mi sono trovato meglio al pomeriggio, in condizioni simili a quelle di oggi. Abbiamo cambiato la scelta di gomme poco prima della partenza ed oggi è stata la mossa giusta. Ho mantenuto il mio ritmo per tutti i 24 giri, facendo quasi tutta la gara dietro a Pol Espargaró. Avrei provato a sorpassarlo verso la fine, ma un po’ di chattering all’anteriore, lo stesso avvertito stamattina prima di cadere, mi ha convinto a desistere e portare a casa il risultato”.

MES Experience a Franciacorta: tutte le info utili

SBK Misano: i biglietti e le offerte disponibili

MXGP Videopass: prezzi e offerte disponibili

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi MotoGP 2019

Valentino Rossi contro il tempo: “Ognuno ha la sua storia”

Alberto Puig team manager HRC

MotoGP, Alberto Puig: “I Marquez sono piloti, non vedo fratelli”

Alex Marquez

MotoGP, ufficiale: Alex Marquez firma con Repsol Honda