MotoGP: Ben Spies “Quarto resta un buon risultato”

Impossibile lottare per il podio oggi ad Assen in gara

26 giugno 2010 - 14:58

Ieri Ben Spies era convinto di giocarsi il podio oggi ad Assen. Un proposito quasi impossibile per il ritmo tenuto da Lorenzo, Pedrosa e Stoner, ma l’iridato Superbike in carica in sella alla sua Yamaha M1 non si è risparmiato, dando il massimo per portare a casa un buon quarto posto resistendo agli attacchi di Andrea Dovizioso e Randy De Puniet alle sue spalle.

Ho fatto una buona partenza e, scegliendo la morbida posteriore, mi aspettavo di tenere un buon ritmo nei primi giri“, rivela Ben Spies. “Purtroppo non ha funzionato come speravamo nei primi 10 giri, così Pedrosa e Stoner mi hanno passato e sono andati in fuga. Ho cercato di dare il massimo ma già al 12° giro Dovizioso mi ha passato.

Poco dopo ha perso terreno e così son riuscito a recuperare la posizione e provare ad allungare su di lui e De Puniet: il podio era ormai andato, ma non la quarta posizione. A testa bassa ho dato il massimo e ho preso un buon gap che mi ha consentito di concludere al quarto posto, il risultato che ci aspettavamo come minimo.

Rispetto a Silverstone non avevo il passo per il podio, per cui posso esser felice di questo risultato. Adesso andiamo a Barcellona, circuito che non conosco e dove credo ci ritroveremo indietro nelle prime prove, ma se non altro io cercherò di fare lo stesso delle ultime due settimane, ovvero dare il massimo“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pirro motogp

MotoGP, Michele Pirro: “In Austria per aiutare Ducati e dare gas”

MotoGP, Valentino Rossi: “KTM da titolo? Assolutamente sì!”

Binder KTM Brno MotoGP

MotoGP, tecnica: I 4 anni di sviluppo KTM prima della vittoria (2/2)