MotoGP, Andrea Dovizioso: “Marquez difficile da interpretare”

Andrea Dovizioso vola nelle prime prove libere in Catalunya, ma il 17° posto di Marc Marquez non lo illude: "Domenica sarà competitivo".

15 giugno 2019 - 7:03

Secondo tempo al termine del venerdì per Andrea Dovizioso, reduce da una settimana ad alti livelli su due e quattro ruote. L’impegno nel DTM a Misano, l’allenamento in moto da cross a Cavallara con Petrucci, Rossi e i ragazzi dell’Academy. Dal Mugello al Montmelò il forlivese arriva tutto di un fiato, consapevole che questo week-end ha una grande importanza per la classifica iridata. Anche dal punto di vista psicologico, perché la vittoria manca dalla prima gara in Qatar. Per battere Marc Marquez servono punti, vittorie, far sentire il fiato sul collo, mettere pressione.

In una giornata con scarso grip, con le temperature che rendono difficile la gestione delle gomme, Andrea Dovizioso è pienamente soddisfatto del secondo crono. “Nel pomeriggio mi aspettavo di trovare più grip. Ma anche senza siamo stati veloci, quindi sono molto contento di come è iniziato il weekend. Non so se sarà abbastanza per la gara“. Di certo il tracciato non può ritenersi noioso, con le ondulazioni in certi tratti che provocano saltellamenti. Dopo la gara di Formula 1 è anche normale, ma sarà un dettaglio ulteriore da prendere in considerazione per il set-up e governare al meglio l’anteriore.

Il 17esimo tempo di Marquez nel pomeriggio catalano non fa certo illudere Andrea Dovizioso. “Marc non è mai facile da interpretare. Non so se abbia deciso di cambiare il modo abituale di lavorare per scelta, o sia stato costretto a causa del consumo di gomme. Mi aspetto un Marc particolarmente competitivo domenica. Come al solito, le informazioni di venerdì non sono mai complete“. Ad inizio giornata DesmoDovi è rimasto coinvolto nel valzer dei caschi omologati. Il marchio da lui utilizzato non soddisfaceva i requisiti per l’omologazione FIM. Senza ulteriori indugi, ha dovuto indossare il casco di un altro marchio opportunamente ridisegnato. “Non c’è alcun problema. Ho un buon manager, abbiamo risolto al meglio“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Iannone: “Ducati, Suzuki e Aprilia sono molto diverse”

Paolo Ciabatti risponde ad Alberto Puig: “Vuole creare polemiche”

Baldassarri o Gardner in Avintia, Tito Rabat verso la Superbike