MotoGP, Marc Marquez tra le Ducati

Loris Capirossi: “Marc Marquez è il vero problema della Ducati”

Marc Marquez è il vero problema della Ducati? Loris Capirossi: "Senza di lui il team di Borgo Panigale avrebbe vinto due Mondiali"

10 gennaio 2020 - 14:56

Gli uomini Ducati sono al lavoro per compiere quell’ultimo step che consenta di mettere il bastone tra le ruote a Marc Marquez. Andrea Dovizioso si è riaffermato vicecampione MotoGP per la terza stagione consecutiva. Discorso differente per Danilo Petrucci che, dopo la vittoria al Mugello, ha deluso le aspettative. Petrux avrà un’altra chance per riscattarsi nel 2020, sarà quindi chiamato all’esame più difficile della sua carriera. Ad analizzare lo stato di salute del team di Borgo Panigale ci pensa Loris Capirossi.

La Ducati si è affermata negli ultimi anni come il principale per il binomio Márquez – Honda. Anche se ancora una volta è arrivato al secondo posto nel campionato, il team di Borgo Panigale non è riuscito a confermare il suo status nel 2019, anche subendo alcune battute d’arresto frenetiche contro Yamaha e altre Suzuki. A cosa attribuisci questo calo?

La Ducati è una grande azienda. Secondo me, hanno ancora una moto competitiva. Per Petrucci è stata la sua prima stagione in una squadra ufficiale. Danilo non ha gestito bene la pressione. Quindi certamente ha vinto una gara al Mugello, ma poi il suo campionato sembrava una montagna russa. Ha avuto alti e bassi quest’anno. Per quanto riguarda Dovizioso, ha avuto un buon campionato… Tuttavia, penso che dover affrontare Marquez lo demoralizzi un po’. Marc è davvero difficile da battere oggi. La Ducati sta lavorando molto sulla moto 2020, ma il loro problema principale si chiama Marc Marquez. Se Marc non fosse stato lì nelle ultime due stagioni, La Ducati avrebbe vinto il campionato due volte di seguito.

La partenza di Lorenzo dalla Honda non costituisce un’altra spiegazione per il declino del marchio italiano nel 2019?

“No, non credo. Sono anche convinto che per Ducati lo sviluppo della moto fosse di esclusiva responsabilità di Dovizioso. Lorenzo ha certamente provato a modificare la Desmosedici, ma questo riguardava solo il suo stile di guida. Nient’altro.

Se Dovizioso ha limitato la rottura vincendo, per il terzo anno consecutivo, il posto del vice Marc Marquez, Danilo Petrucci d’altra parte ha deluso per il suo grande debutto in rosso. Perché è completamente crollato dopo il suo brillante successo al Mugello?

Dopo il Mugello, Danilo ha comunque registrato un buon risultato a Barcellona. Ma è vero che da Assen ha perso la fiducia in se stesso. Non so come spiegarlo. Petrucci avrebbe dovuto finire tra i primi cinque del campionato senza problemi. Non ci è riuscito. Tuttavia, devi metterti nella testa dei piloti per capire certe cose. Fare dichiarazioni, parlare dall’esterno è facile, ma molto spesso la verità è abbastanza diversa. Danilo, lo conosco da quando è nato. Lo apprezzo. Mi sembra del tutto normale che possa beneficiare di un’altra opportunità alla Ducati nel 2020. Spero solo che riuscirà a diventare più efficiente il prossimo anno.

Leggi l’intervista completa su Paddock-GP

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo a Jerez

MotoGP, Stewards Panel FIM annuncia la sanzione per Fabio Quartararo

MotoE, Test Jerez: Il rookie Dominique Aegerter detta il passo

martin moto2

Moto2: Jorge Martín in evidenza nei test a Jerez