Valentino Rossi MotoGP 2019

L’era di Valentino Rossi non è finita: Dorna cerca il ‘pilota giusto’

Valentino Rossi non vince ma continua ad essere il più amato in MotoGP. Marc Marquez è lontano in termini di gradimento e Dorna cerca 'il pilota giusto'.

12 ottobre 2019 - 13:34

Dieci stagioni senza titoli mondiali pesano sulla reputazione di Valentino Rossi all’interno del paddock. Ma non sul carisma e sull’alone leggendario del nove volte iridato, il cui eventuale addio fa tremare il marketing della MotoGP. In casa Yamaha si lavora ad alti regimi per fare in modo di allestire una YZR-M1 all’altezza di Honda e Ducati per la stagione 2020, la parte restante tocca al 40enne di Tavullia e al suo staff.

Valentino Rossi non può vivere lontano dalla classe regina, il Motomondiale non sembra ancora pronto a voltare pagina senza di lui. Dorna fa leva sulle nuove tecnologie, sui social, sul web per incrementare gli interessi di ascolto. Ma probabilmente non avrà terreno fertile per un’eventuale stagione 2021 senza Dottore. “C’è un interesse importante da parte dei social, delle tv. Importante avere il personaggio giusto, il pilota giusto – ha sottolineato Loris Capirossi, rappresentante Dorna in Race Direction -. Valentino Rossi ci ha aiutato moltissimo, adesso ha 40 anni, vuole migliorarsi, questo è buono. Però dobbiamo ricercare nuovi talenti, giovani piloti, anche italiani, sebbene non sia facile ripetere quello che ha fatto Vale“.

VALENTINO E IL MAL DI GRIP

L’era post valentiniana sembra ancora lontana a venire. L’opzione David Munoz in veste di capotecnico al posto di Silvano Galbusera lascia presagire un rinnovo, che dovrà essere però incorniciato da buoni risultati. Sia nel finale di stagione che all’inizio del prossimo campionato. Già in Giappone i tecnici di Iwata proveranno a mettere un argine all’ormai atavico problema dell’usura al posteriore. “Dopo alcuni giri ho sempre problemi con l’aderenza della ruota posteriore, la gomma soffre pesantemente, perde prestazioni, quindi devo guidare più lentamente“, ha spiegato Valentino Rossi dopo la gara in Thailandia.

Quando il pesarese non ha sofferto di “mal di grip” l’assalto al podio è alla portata: vedi in Austria, Inghilterra, a San Marino. Nulla che possa però impedire di pensare ad un ulteriore prolungamento di contratto. Del resto un eventuale cambio di livrea di Maverick Vinales renderebbe tutto scontato e lascerebbe il posto a Fabio Quartararo. Le persone da sempre vicine al campione di Tavullia assicurano che il giorno dell’addio è ancora lontano: Aldo Drudi, Alberto Tebaldi, Alessio Salucci sono ottimisti nel vederlo in MotoGP fino al 2022.

Dorna non potrebbe che esserne felice e avrebbe più margine di tempo per pianificare l’era post Valentino Rossi. Del resto i numeri dei social network rappresentano uno specchio della realtà molto delucidativo. Su Instagram il pesarese conta 7,6 milioni di follower contro i 4,5 di Marc Marquez. Su Facebook 13,2 milioni i fan, contro i 4 milioni di Marc Marquez. Al momento in quanto a carisma e popolarità neppure il dominatore della MotoGP può tenere testa al veterano della Yamaha.

4 commenti

merdagialla4_14427471
0:02, 14 ottobre 2019

Non riesco a capire se è più bollito vapianino o i giornalisti che continuano ad osannarlo.
I numeri parlano chiarissimo… è l’unico pilota al mondo che è riuscito ad affossare 2 moto vincenti (fino a quando non è arrivato lui)
Sono 10 anni che non vince una fava, e da quando è arrivato MM può solo fare da spettatore…
Sono finiti i tempi del gommino e del correre senza avversari in pista.

lorenzoursan_14190819
20:41, 12 ottobre 2019

Certo che se non è “giusto” un pilota che in piega raggiunge i 64°/66° mentre tutti gli altri non superano i 62°/63°, uno che quando “perde” l’avantreno riesce a recuperare aderenza e riportare su la moto dopo avere fatto decine di metri a sterzo chiuso due volte su tre, uno che quando sta’ ancora scivolando in una via di fuga fa un balzo degno di un felino e conclude la scivolata che sta già correndo verso il suo mezzo, beh allora forse è questo pubblico di followers e sharers che è un pò da rivedere come metro di valutazione….
Ma credo che nella penisola iberica le cose non stiano esattamente come vengono dipinte qui dalla stampa nostrana…..

KARAMELLA
17:46, 12 ottobre 2019

Ma BASTA è solo GELOSO xke non VINCE e non è più sotto RIFLETTORI

    fabu
    19:21, 12 ottobre 2019

    Forse dovresti andare a qualche GP. Italia od estero non fa differenza.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jack Miller e Valentino Rossi

Valentino Rossi in Formula 1, Jack Miller: “Preferisco il rally”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile