Andrea Iannone e Romano Fenati

Andrea Iannone ritorna in pista: “So ancora cambiare le marce”

Andrea Iannone ha compiuto qualche giro in moto sul Circuito Internazionale d'Abruzzo. Insieme all'ex pilota MotoGP anche Foggia, Baiocco e Fenati.

29 gennaio 2021 - 19:22

A distanza di oltre un anno dalla squalifica per doping, l’ex pilota MotoGP Andrea Iannone è ritornato in sella ad una moto da cross sul Circuito Internazionale d’Abruzzo. Insieme al numero #29, che indossava la sua ultima tuta Aprilia, c’erano Matteo Baiocco, Dennis Foggia e Romano Fenati. “Ciao ragazzi, oggi sono tornato in moto ed è stato bellissimo, so ancora cambiare le marce, non ho dimenticato. Ero con Foggia, Fenati e Baiocco, i ragazzi si allenano e io sono venuto a farmi qualche giro dopo tanto ed è stato molto bello. Mando un saluto e un abbraccio a tutti gli appassionati di moto”.

La sentenza del Tas ha spezzato la carriera del pilota di Vasto, che dovrà restare fuori dai giochi fino al dicembre 2023. Ha provato a imporsi alla sentenza inflittagli dalla commissione disciplinare della Fim che lo condannava a 18 mesi fuori dai circuiti. Ma la sua difesa legale non è riuscita a convincere il Tribunale e la WADA circa la contaminazione alimentare. Positivo al drostanolone nel GP di Sepang 2019, il suo è divenuto un caso “politico” rimediando il massimo della pena (4 anni).

Le nuove linee guida introdotte dalla WADA dal 1° gennaio 2021 hanno fatto discutere. Gli atleti positivi alla cocaina e alla marijuana, infatti, verranno condannati ad un massimo di tre mesi, nel caso in cui l’atleta riesca a dimostrare di averne fatto uso al di fuori della competizione. Sanzioni che potrebbero ridursi ad un solo mese nel caso in cui l’atleta accetti di sottoporsi ad un programma di riabilitazione. Un’inversione di tendenza che certamente fa rabbia ad Andrea Iannone. In una recente intervista ha però fatto sapere che non resterà lontano dal paddock della MotoGP. Ha qualche progetto in cantiere (manager o coach?), ma verrà svelato solo quando sarà ufficiale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

bestia martin maro sava motogp

MotoGP, rookie a confronto: Bastianini, Martín, Marini e Savadori dopo 4 GP

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy

MotoGP, Joan Mir

Joan Mir: “Valentino Rossi resterà legato al mondo della MotoGP”