Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: “Nessuna strategia, dobbiamo essere più competitivi”

Andrea Dovizioso proseguirà ad Assen il lavoro sul nuovo telaio della Ducati GP19: "Dobbiamo pensare ad essere più competitivi".

28 giugno 2019 - 5:00

Dopo la beffa del Mugello e la sfortuna di Barcellona Andrea Dovizioso non può mancare all’appuntamento di Assen. C’è un tabù da sfatare nella “cattedrale del motociclismo”, un campionato da tenere aperto, un’altra grande impresa al Sachsenring, dove Marc Marquez vince da nove stagioni consecutive. Prima della pausa estiva Ducati è chiamata ad una doppia prova di fuoco, in attesa di conoscere il responso su pista di alcuni aggiornamenti sulla carta molto interessanti.

DOVIZIOSO LAVORA SUL TELAIO

In Catalunya i tecnici di Borgo Panigale hanno provato un nuovo telaio che lascia ben sperare nella risoluzione del problema a centro curva. Ma servono conferme e il venerdì di Assen sarà rivelatore in tal senso. “Dobbiamo concentrarci sull’essere più competitivi di adesso“, ha ammesso Andrea Dovizioso. 37 punti separano Marquez dal forlivese, ma nessun ordine di scuderia arriverà per il momento. Né si possono allestire strategie per ricucire lo strappo dal leader MotoGP. “Non credo che esista una strategia specifica. Dobbiamo essere più competitivi. Solo allora possiamo iniziare a pensare a una strategia“. Al Dovi spetta la responsabilità di proseguire il lavoro sul telaio prima che possano ereditarlo anche Petrucci e Miller. “Non possiamo arrivare con 5 telai e fare delle prove. L’ho provato io nei test di Barcellona e porto avanti le prove in questo fine settimana“.

NUOVE GOMME AD ASSEN

Eventi come la caduta involontaria di due settimane fa sono un pugno nello stomaco per la classifica iridata, ma continuare a rimuginarci sopra è inutile. “Non sono uno che si arrabbia molto, soprattutto se non è colpa tua. Se sbaglio io mi arrabbio e la vivo male. La caduta mi scoccia molto. Abbiamo perso tanti punti ma ora guardiamo avanti“. C’è un week-end da affrontare con ottimismo e coraggio, sebbene non sia particolarmente favorevole alla Ducati GP19. Ma da quest’anno ulteriori passi avanti sono stati compiuti nello sviluppo e le gomme giocheranno un ruolo rilevante. “L’anno scorso abbiamo fatto una buona gara, con molti piloti e sorpassi. Ma il consumo delle gomme ha influenzato il risultato finale. Quest’anno le gomme saranno diverse rispetto all’anno scorso – ha concluso Andrea Dovizioso -, quindi vedremo come andranno le cose“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio