Aldo Drudi e Valentino Rossi

Aldo Drudi: “Valentino l’unico che può mettere pressione a Márquez”

Aldo Drudi parla di Valentino Rossi alla vigilia del GP di Misano: "Prima o poi penseremo al casco di addio, ma quel giorno è ancora lontano".

9 settembre 2019 - 14:30

Inizia il conto alla rovescia per il GP di Misano e ancora una volta vanterà ci sarà il celebre designer Aldo Drudi tra i principali ideatori. Non solo perché realizzerà la grafica del casco speciale di Valentino Rossi e di altri piloti del Motomondiale. “Questo weekend è la chiusura di tre anni di lavoro sul circuito. Tutta la pista avrà gli spazi di fuga colorati ed è un lavoro unico – ha sottolineato Drudi –. Altri circuiti hanno gli spazi decorati, ma in maniera sequenziale al senso della pista, in modo abbastanza semplice. Qui l’abbiamo intesa come un’opera pop, ci sarà molto colore, tanto che abbiamo inventato questo slogan ‘Ride on Colors'”.

Ovviamente sono ore di incessante lavoro per l’azienda Drudi Performance, dedita alla grafica di alcuni caschi dei protagonisti della MotoGP. Abbiamo rubato qualche minuto di tempo ad Aldo Drudi per parlare dell’attore principale di questo grande evento motoristico: Valentino Rossi. Bocche cucite, come giusto che sia, sul soggetto del casco speciale 2019. Ma azzardiamo l’ipotesi che abbia a che fare con i suoi 40 anni di età…

Fra tutti i caschi realizzati per Valentino Rossi ce n’è qualcuno a cui ti senti più affezionato?

Sono tutti molto belli, tutti dedicati a qualcosa di speciale. Quello fatto per i test di quest’anno, un’opera realizzata interamente a mano, ha avuto un bel successo. Un casco riuscito che è piaciuto sia a me che a lui. Riguardo alla prossima gara di Misano, ricordo quello con tutti i colori fluo e le impronte delle mani di tutti gli uomini del team e degli amici. Quello fu un altro casco energetico e andò bene perché vinse la gara

Quest’anno Valentino Rossi aveva le idee chiare sulla grafica oppure gli hai dato una mano nell’ispirazione?

Quest’anno ci siamo seduti tutti insieme qui in ufficio da me, anche con i ragazzi che lavorano qui. Ognuno ha iniziato a proporre un’idea e stamattina abbiamo deciso quale realizzare. Da oggi iniziamo a lavorare sul casco speciale di Misano.

Quanto tempo passa dall’idea alla realizzazione?

Dipende dalla complessità del casco, perché sul tipo di disegno o di grafica disegno ci può stare una complicazione in termini di realizzazione. Però diciamo che partendo da stamattina, senza avere altro da fare, per venerdì il casco è pronto. Il problema è che bisogna farne tanti altri e più copie di quel casco, perché deve avere minimo due caschi a disposizione nel box.

Quanto perderà la MotoGP il giorno che il Dottore si ritirerà?

Perderà tanto, perché è un personaggio al di là del risultato. Il fatto che vinca o non vinca muove meno. Oramai è un riferimento per tutti, per l’impegno che ha messo e che sta mettendo soprattutto adesso. Un uomo di 40 anni che si allena come se ne avesse 20 e che fa risultati come se fosse fresco… Il quarto posto nell’ultima gara, anche se i detrattori dicono che Valentino non vince più… io pagherei per arrivare quarto ad una gara del Mondiale. Personalmente penso che Valentino possa vincere alla grande ed è l’unico che a livello psicologico può fare pressione su Marc Márquez.

Se dovessi immaginare il casco di addio al Motomondiale di Valentino…?

Non c’è abbastanza spazio, anche per un riassunto. Ma prima o poi ci dovremo pensare ad un casco di addio al Motomondiale. Credo però che siamo ancora molto lontani da quel giorno.

Quest’anno a Misano chi porterà un casco firmato da Aldo Drudi?

Sono i piloti più cari che abbiamo dato che sono italiani. Avranno un casco speciale Morbidelli, Iannone, Baldassarri e Migno.

Altri progetti al di fuori del paddock?

Fuori dal motociclismo ci stiamo interessando di nautica, stiamo disegnano la terza barca Anvera per il cantiere LG. Abbiamo la Anvera 55, 48 e ora stiamo disegnando la 42 che sarà presentata al Salone di Viareggio il prossimo anno. E stiamo collaborando con due squadre della Coppa America per le livree dei caschi. E stiamo disegnando una nuova bici elettrica per la Thok.

Gli ultimi sconti per i lettori di Corsedimoto

3 commenti

lorenzoursan_14190819
14:53, 9 settembre 2019

Ma che campionato segue?

    chrystyne0_14354811
    15:36, 9 settembre 2019

    celui de coeur, vous ne connaissez peut etre pas vous ?

      lorenzoursan_14190819
      16:26, 9 settembre 2019

      Une question de coeur ou…. de l’argent?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fenati test privati jerez

Moto2-Moto3: La pioggia pone fine ai test a Jerez

Andrea Iannone a Valencia

MotoGP, Andrea Iannone spegne l’incendio: “Giri motore troppo alti”

Alberto Puig team manager HRC

Puig: “Alex Marquez alto, eravamo abituati a Dani Pedrosa”