MotoGP, Franco Morbidelli

MotoGP, Morbidelli promuove Dovizioso: “Conosco quella moto”

Nel week-end MotoGP di Austin Andrea Dovizioso è il secondo miglior pilota Yamaha. Un risultato che non passa inosservato a Franco Morbidelli.

10 ottobre 2021 - 11:23

Ad Austin Andrea Dovizioso si è confermato come secondo miglior pilota Yamaha. La posizione finale (13°) e il distacco dal vincitore (25 secondi) non sono incoraggianti, ma il ritorno in MotoGP del forlivese accoglie i primi consensi. Dieci mesi lontano dal paddock, un pacchetto M1 meno aggiornato dei colleghi di marca sono fattori da tenere in grande considerazione. Senza dimenticare che sta guidando un prototipo diametralmente opposto alla sua ex Ducati Desmosedici.

Franco Morbidelli, rientrato a Misano dopo l’infortunio, ha fatto il suo esordio nel team factory, ma conosce come le sue tasche la YZR-M1 del Dovi. “E’ davvero ad un buon punto, è davvero veloce. Con Ramon [Forcada] è già riuscito a trovare un buon assetto che gli ha permesso di finire a punti nella seconda gara. Stanno facendo un ottimo lavoro… conosco la sua moto“. L’italo-brasiliano, invece, ha faticato ad arrivare al traguardo nell’ultimo round di MotoGP, con un distacco di circa 50 secondi. Probabilmente Franky non è ancora pronto fisicamente dopo l’operazione al ginocchio, ma era un azzardo da tentare. “Sono tornato troppo presto, ma secondo me è la decisione giusta“.

La condizione fisica ideale verrà raggiunta solo dopo la pausa invernale. Ma restare fuori troppo a lungo avrebbe sortito effetti peggiori. “Era importante risalire in moto il prima possibile – sottolinea Franco Morbidelli -. Non potevo permettermi di stare sei mesi senza moto. Ovviamente i risultati non sono buoni, ma al momento non mi interessano. Ci sono molte cose che non sono al massimo in questo momento. Devo cercare di migliorare molte cose. La curva delle prestazioni punta verso l’alto e questo mi rende fiducioso“. Yamaha ha intenzione di lottare anche nella classifica costruttori e a squadre, ma difficilmente Franco Morbidelli riuscirà a dare un grosso contributo nelle ultime tre gare di questo campionato MotoGP.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
13:15, 10 ottobre 2021

Morbidelli ha perso un anno e Fabio in questa stagione è cresciuto in modo esponenziale. Petronas ha fatto due buone stagione, ma nel team factory si sono svegliati e hanno costruito un team da vertice assoluto. Rossi ha tarpato le ali per molti anni alla gioventù e Vinales non è mai stato un campione vero.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Andrea Iannone

Andrea Iannone sul filo della vita: futuro in TV o ritorno in pista

MotoGP, Shinichi Sahara

MotoGP, Suzuki cerca il team manager. Sahara: “Problema risolto”

Ranch di Valentino Rossi

Valentino Rossi, ritorna lo striscione a Tavullia: Vittorio Sgarbi sta con lui