MotoGP, Marc Marquez: “In gara dovrò essere intelligente”

Marc Marquez conquista la decima pole consecutiva al Sachsenring, 85esima in carriera, 57esima in MotoGP. Domani è il grande favorito, ma serve intelligenza.

6 luglio 2019 - 16:40

Marc Márquez si riconferma padrone assoluto del Sachsenring sin dal sabato delle qualifiche (tempi e classifica QUI), conquistando la decima pole consecutiva. Dal 2010, quando era appena un ragazzino che si avviava verso il titolo della 125cc, il Cabroncito parte davanti a tutti e vince. In attesa del decimo sigillo di domani il primo pronostico per la pole viene confermato.

Non saranno le Ducati ufficiali di Petrucci e Dovizioso a dargli filo da torcere sin dalla partenza. Ancora una volta sul suo cammino ritrova il funambolico Fabio Quartararo e il connazionale Maverick Vinales. Sembra il medesimo copione di Assen, ma stavolta il tracciato è sulla carta favorevole a Marc Marquez che, in caso di successo, metterebbe una seria ipoteca sul titolo mondiale. Ha dimostrato non solo di essere il più veloce sul giro secco, ma di avere un passo gara migliore degli altri, con le Ducati che, contro ogni previsione, partiranno dalla quarta e quinta fila.

L’1’20″270 che aveva siglato l’anno scorso è già storia passata grazie al nuovo record 1’20″195 di quest’anno. Pole numero 85 della sua carriera, 57 nella classe regina, ad un solo passo dal record di Doohan a quota 58. “Ho avuto un buon tempo sul giro con il primo pneumatico, con il secondo pneumatico ho attaccato e mi sentivo molto bene. Potevo girare un po’ più veloce, ma ho fatto un errore. L’ultimo pneumatico è stato forse quello il peggiore, ma sono riuscito a migliorare il mio tempo – ha riassunto Marc Marquez -. Devo continuare a lavorare perché entrambi i piloti Yamaha e Alex Rins hanno un ritmo molto alto. Vedremo se riusciremo a vincere. E se succede qualcosa che non permette di lottare per la vittoria, devi essere intelligente“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Paolo Ciabatti risponde ad Alberto Puig: “Vuole creare polemiche”

Baldassarri o Gardner in Avintia, Tito Rabat verso la Superbike

Fabio Quartararo avverte Yamaha: “Idee chiare sul futuro”