MotoGP Bagnaia

MotoGP, Bagnaia incassa il colpo: “L’obiettivo del 2021 non era il titolo”

Una caduta priva Bagnaia del 3° successo in MotoGP e di tenere accesa una fiammella di speranza per il titolo: "Oggi o gloria o ghiaia"

24 ottobre 2021 - 16:35

Le ha provate tutte per tenere la MotoGP aperta fino a Portimao, non è andata. Bagnaia  ha fatto sognare i tifosi a Misano venuti anche ad acclamare il suo nome, ma il sogno si è infranto a pochi giri dal termine. Per tenere aperto il mondiale serviva vincere, senza compromessi. Pecco lo sapeva e ci era quasi riuscito, ma a poco dalla bandiera a scacchi arriva la caduta che lo mette fuori dai giochi per il titolo 2021.

“Stavo spingendo, oggi o gloria o ghiaia”, ammette. “La scelta della gomma dura era giusta, ma bisognava spingere al massimo dal primo all’ultimo giro. Eravamo più veloci rispetto alla prima Misano: dobbiamo essere contenti perché siamo stati ancora al top, ma frustrati allo stesso tempo”.  Bagnaia parla poi dei tifosi sugli spalti: “Vedere tanta gente per me è stato incredibile, sono cambiate tante cose. Mi dispiace non avere vinto per loro, è stato emozionante però”.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

“Le gare chiave? Mugello, Austria e Silverstone”

Pecco rende onore anche al vincitore: “Fabio (Quartararo) ha meritato il titolo, sono contento per lui”. Il ducatista continua: “Nel 2020 ha perso il mondiale, quest’anno ce l’ha fatta. Io mi sono trovato nella sua posizione dell’anno scorso, ovvero lottare per la corona per la prima volta. Ho finito 16° l’anno scorso e non ero neanche costantemente al top. Il target del 2021 non era vincere il campionato: l’obiettivo era imparare e crescere, ma le cose gara dopo gara sono andate sempre meglio”.

“Dopo la pausa abbiamo trovato una bella base: non penso che dobbiamo essere arrabbiati, tutto quello che è arrivato di più era appunto un di più”, prosegue. “Le gare chiave secondo me sono state Mugello, Austria 1 e Silverstone: in Italia sono caduto perché non ero troppo concentrato per cosa era successo prima, nelle altre due occasioni ci sono stati vari problemi con le gomme che non funzionavano”.

“Grande consapevolezza per il 2022”

Tutta esperienza di cui fare tesoro: “Dovremo imparare dagli errori e cercare di essere sempre al top ogni weekend come accaduto in questa parte di stagione. Credo che arriveremo più preparati”. Per Bagnaia il 2021 si divide in due: “Nella prima fase apprendimento fino alla pausa, poi mi è venuto tutto più facile. Abbiamo raggiunto una bella consapevolezza, dobbiamo ripartire da qua, gettando delle belle basi per il 2022. Le ultime 4-5 gare sono state importantissime in questo senso”

“Tenere aperto il mondiale oggi sarebbe stata comunque dura, il vantaggio di Fabio era cospicuo in ogni caso”, analizza. “Ci abbiamo provato dimostrando di essere forti, ma sapevamo che il titolo era più nelle mani di Quartararo che nelle nostre. Abbiamo fatto comunque un bel salto di qualità nel corso della stagione, credo che il prossimo anno arriveremo più preparati”.

3 commenti

walterguzzi
18:04, 24 ottobre 2021

quindi ci siamo sbagliati a pensare di vincere il campionato l’obbiettivo era fare secondo…bene continuate così è lo spirito giusto

    Max75BA
    19:48, 24 ottobre 2021

    L’errore odierno è decisamente pernicioso…il discorso sul titolo non ha senso, oggi doveva vincere per mostrare la sua maturità, perché il gp odierno per la Ducati è importantissimo proprio in relazione alla quasi impossibilità di vincere il titolo piloti…deve maturare come personalità…e il prossimo anno ancora Miller e Bagnaia, si potrà vincere il titolo?????

      corsedimot_15035767
      7:31, 25 ottobre 2021

      Decisamente no: Marques sembra quasi guarito.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022