arbolino fenati

Moto3, Motegi: Arbolino recupera la mano destra, rientra Fenati

Piloti Snipers in azione in Giappone dopo qualche guaio fisico. Arbolino OK dopo i problemi alla mano destra, torna Fenati dopo un infortunio alla mano sinistra.

17 ottobre 2019 - 17:14

Snipers Team si presenta ai nastri di partenza in Giappone con la coppia di piloti ufficiale. Torna in pista Romano Fenati, fuori causa negli ultimi due GP a causa della frattura dello scafoide della mano sinistra, riportata in qualifica a Misano. Il pilota ascolano affiancherà nuovamente Tony Arbolino, che si è lasciato alle spalle il problema alla mano destra che ha condizionato il suo GP thailandese.

Il pilota di Garbagnate Milanese non lascerà nulla di intentato a Motegi. L’obiettivo è ricucire lo strappo dal leader Lorenzo Dalla Porta e da Aron Canet, che lo precedono in classifica iridata. Svantaggio importante (43 punti dal connazionale), ma Tony Arbolino ci crede. “Veniamo da un risultato non troppo positivo per noi: il problema alla mano ha compromesso la gara. Mi piaceva la moto e ci stavamo preparando all’assalto finale ed è da queste buone condizioni che ripartiamo. Affrontiamo queste tre gare con l’obiettivo di portare a casa più punti possibili”.

Romano Fenati riparte da un circuito sul quale ha vinto nel 2017, uno dei quattro piloti italiani che hanno trionfato a Motegi nelle ultime 4 stagioni. Quella in Giappone è la prima delle ultime quattro gare con gli Snipers per lui, che l’anno prossimo passerà al Max Racing Team. C’è tanta voglia di chiudere nel migliore dei modi questo 2019. “Finalmente si torna a correre dopo lo stop forzato. Ripartiamo da una pista bellissima, quella in Giappone, dove ho vinto due anni fa. Ce la metterò tutta per concludere la stagione al meglio.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

xavier artigas moto3 valencia

Moto3, Valencia: Sorpresa Artigas. La Spagna continua a sfornare talenti

crash zarco lecuona valencia

VIDEO La KTM di Lecuona colpisce Zarco. Nessuna frattura

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò: “Zarco non merita la Honda”