foggia moto3

Moto3: Dennis Foggia 10° nel 2020, speranza azzurra nel 2021?

Dennis Foggia chiude il suo 2020 con il 3° podio stagionale ed il 10° posto iridato. Può diventare il riferimento della truppa tricolore nel 2021?

28 novembre 2020 - 13:09

La stagione Moto3 2020 è stata decisamente la migliore per Dennis Foggia dal suo esordio. Alla terza annata nella entry class del Campionato del Mondo il pilota Leopard Racing conquista la prima vittoria mondiale, più altri due podi. L’ultimo di questo è arrivato in Portogallo, a conclusione di una gara davvero combattuta. Un’annata con svariati alti e bassi (ci sono anche sette zeri tra ritiri e piazzamenti fuori dai punti), ma valgono comunque la prima top ten iridata per ‘The Rocket’. L’Italia dovrà ripartire da lui nel 2021?

Scorrendo la classifica Foggia è il terzo miglior italiano nella stagione appena conclusa. Ma chi lo precede, ovvero Arbolino e Vietti, l’anno prossimo passano in Moto2. Certo è che intanto ha chiuso il campionato 2020 con una gara memorabile. Ricordiamo che è stato sanzionato con una doppia Long Lap Penalty per guida irresponsabile nelle libere, un fatto per cui si perde davvero tanto tempo. Ma il duo Leopard sembrava davvero in palla a Portimao: Masiá è caduto, non così Foggia, che ha dato gas riprendendo il gruppetto di testa e diventando grande protagonista della competizione.

Arriva così un secondo combattuto gradino del podio, primo degli “altri” (Fernández era ormai scappato…). Un piazzamento di rilievo e 20 punti che valgono il 10° posto in classifica generale, e permettono a Leopard di festeggiare il titolo a squadre. “Prima della gara non mi aspettavo di salire sul podio” ha ammesso Dennis Foggia in seguito. Soprattutto a causa della sanzione. “Ho ricevuto una doppia Long Lap Penalty, certo non è stato facile, ma non ho mai smesso di attaccare. Un grazie alla mia famiglia ed a questa squadra incredibile.” Con cui sarà nuovamente al via nel 2021, un aspetto che può aiutarlo.

2 commenti

fzanellat_12215005
15:03, 28 novembre 2020

Obiettivamente i piloti buoni che Arbolino e Vietti sono passati di categoria. Antonelli,Fenati,Migno e Foggia
danno tutti l’impressione di non essere pronti per
vincere un titolo.
Jeume Masia sta crescendo parecchio e i top 5 2020
hanno tutti cambiato categoria.
Attenzione anche a Segio Garcia che a solo 17 anni
fa già podi iridati.

Anonimus
14:07, 28 novembre 2020

Può anche darsi ma onestamente non nutro molte speranze. È troppo altalenante (più bassi che alti), l’anno precedente si lamentava dei trattamenti di favore verso Vietti da parte del team VR46, quest’anno si è trovato nel team migliore di tutta la moto 3 (campione del mondo) ed è arrivato lo stesso dietro a Celestino.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fausto gresini motogp

Fausto Gresini: progressivo miglioramento, ma le condizioni restano critiche

MotoGP, Danilo Petrucci 2021

ESCLUSIVA Danilo Petrucci: “In MotoGP fino a quando non sarò il più vecchio”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso ha già nostalgia delle “piste speciali”