remy gardner moto2

Moto2: Remy Gardner, il messaggio del fratello e la storica vittoria

Remy Gardner inarrestabile anche al Sachsenring. Uno storico trionfo ed un bel colpo in ottica iridata per quello che ormai è l'uomo da battere.

21 giugno 2021 - 11:36

Nessun pilota australiano aveva ancora conquistato tre successi consecutivi in classe intermedia. Il suo più recente predecessore Casey Stoner per esempio si era fermato a quota due nell’allora 250cc, per due volte (Portogallo-Cina e Malesia-Qatar nel 2005). Al Sachsenring Remy Gardner, caricato anche da un messaggio motivazionale da casa, ha scritto questo pezzo di storia, mettendo a referto la terza vittoria consecutiva, la quarta in carriera. Una nuova dimostrazione di forza che gli permette di allungare sensibilmente in classifica Moto2 iridata, aiutato anche dall’incidente del compagno di box. Ma senza andare più in là, sottolineando che la stagione è ancora lunga.

“Prima della gara mio fratello mi ha scritto velocemente. “Vai a vincere oggi, diventa il primo australiano ad ottenere tre successi consecutivi in classe intermedia!”” Detto, fatto: al 200° GP di categoria Remy Gardner non ha rivali, mettendo a referto un’altra prova del grande passo avanti compiuto in particolare in questa stagione. Una vittoria storica per se stesso, per il suo paese e per il Motomondiale, un altro importante affondo in ottica iridata. Ora i punti di vantaggio sono diventati 36 su Raúl Fernández e 47 su Marco Bezzecchi, che completano la top 3 provvisoria in classifica Moto2 generale dopo 8 GP.

“Mi aspettavo una lunga e dura battaglia, Raúl era stato veloce per tutto il weekend. Anzi, nel warm up aveva mostrato un ritmo leggermente migliore del mio.” Ma inaspettatamente ecco il primo errore stagionale del rookie spagnolo, che porta al ritiro. Quando comunque il pilota australiano era già davanti. “Nei primi due giri ho visto che avevo un passo migliore del suo, quindi l’ho superato e ho provato ad andare via, ma senza forzare troppo.” Ormai diventato il suo stile in ogni gara: grinta unita alla calma, sempre concentrato sull’obiettivo. Non si è smentito al Sachsenring, conquistando così un altro risultato molto importante.

Frutto anche di una sana competizione tra compagni di box: Remy Gardner e Raúl Fernández appaiono sempre più di un altro livello rispetto ai rivali di categoria. Due ragazzi veloci che si spingono continuamente, come ammette una volta di più il pilota di Sydney. “Penso che sia un aspetto chiave” ha sottolineato. “Lui è veloce, credo di esserlo anche io” ha aggiunto col sorriso. “Stiamo imparando molto l’uno dall’altro, dopo ogni turno studiamo i dati per trarre sempre il massimo dallo stile dell’altro: è fondamentale per andare bene come squadra.” Ma come sempre, piedi per terra. “Il campionato è lungo, non siamo nemmeno a metà. Ora andiamo ad Assen.”

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

CEV Moto2/Moto3: López e Rueda in pole al MotorLand Aragón

Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: una sola speranza per il ritorno

MotoGP, Zeelenberg-Razali-Stigefelt

MotoGP, Valentino Rossi e Franco Morbidelli “rimandati” al II semestre