National MX: Christian Craig attende l’esito dell’antidoping

Sono parecchio controversi gli esami del test antidoping di Christian Craig che tra 30 giorni saprà se dovrà scontare una squalifica oppure no

19 giugno 2019 - 17:00

Christian Craig di GEICO Honda ha spiegato in queste ore, tramite il suo account Instagram, che in un controllo antidoping a Daytona nel 2018 è stato rilevato nel suo fisico una traccia di Heptaminol. La FIM non ha notificato a Craig il risultato fino a Gennaio del 2019. Tuttavia, poiché Heptaminol si trova su un elenco di sostanze vietate di livello inferiore, Craig è stato in grado di rimanere idoneo per correre quest’anno mentre attende l’udienza e i risultati ottenuti nel test. Nel suo post, dice che si aspetta una risposta entro 30 giorni.

IL COMUNICATO DI CRAIG

“Volevo dare un aggiornamento su quello che è successo quest’anno. Il 23 gennaio 2019 ho ricevuto una e-mail dalla FIM in cui si affermava che un problema era stato scoperto a Daytona, il 10 marzo 2018. Ci tengo a dire che NON HO MAI o non prenderei mai deliberatamente una sostanza proibita! La FIM ha concordato di non ritenere che io abbia intenzionalmente ingerito la sostanza. Certo, questo non toglie il fatto che sia stata trovata”.

“Esistono due livelli di sostanze proibite: uno sospenderebbe immediatamente un pilota e l’altro no. Poiché la sostanza per la quale sono risultato positivo era nella lista minore delle due, sono riuscito a continuare a correre. Fin dall’inizio, c’è stato un accordo reciproco tra tutte le parti a mantenere questa riservatezza fino a quando non sarà ulteriormente risolto. Ma mentre la gente continua a chiedere “cosa c’è di sbagliato in te?”, Sento di dovervi aggiornare voi ragazzi”.

“Il mio risultato negativo è stato per una quantità di TRACE di Heptaminol, una droga che non avevo mai sentito nominare fino ad ora. Ho passato gli ultimi sei mesi a mettermi alla prova e cercare cosa può aver causato questo. Dopo molte ricerche, sono convinto che il mio test positivo sia venuto da un integratore contaminato. Ho imparato che molti integratori includono ingredienti provenienti da tutto il mondo. Il che rende quasi impossibile garantire ingredienti non contaminati, soprattutto un anno dopo”.

“MI TOLGO UN PESO”

“Questa situazione mi ha causato un enorme difficoltà mentale e ha reso quasi impossibile liberarmi dalla mente per correre quest’anno. Sono orgoglioso di essere sempre stato onesto con i miei fan. Sapendo di essere un papà e un modello per gli altri, questa cosa mi ferice molto”.

“Non posso più commentare e devo rifiutare rispettosamente le interviste su questo argomento fino a quando non verrà risolto. Questo dovrebbe avvenire entro i prossimi 30 giorni circa. Spero che questo fornisca una migliore comprensione del motivo per cui non sono stato me stesso quest’anno. Mi toglie un enorme peso dalle spalle potendo condividere così tanto per ora con voi. Grazie per il vostro supporto!




Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MXGP: Tim Gajser da record insieme a Honda

Mondiale MX Junior: l’Italia è campione del mondo a Trento!

MXGP d’Asia: Tim Gajser imbattibile a Semarang