Jeffrey Herlings

MXGP: Esclusivo Jeffrey Herlings “Forse proverò la KTM MotoGP”

Il grande "assente" per gran parte della stagione 2019 Jeffrey Herlings proverà a riscattare un anno complicato. Proverà la RC16? "Non adesso, ma in futuro...."

18 luglio 2019 - 16:00

Jeffrey Herlings insieme ad Antonio Cairoli e Tim Gajser fa parte di quella top3 del mondiale di motocross che da diverse stagioni domina il panorama delle ruote tassellate. L’olandese ha vissuto un 2019 da incubo a causa di un doppio infortunio, prima ad inizio stagione e poi nel MXGP di Lettonia, che lo ha tenuto lontano dalle piste. Herlings però è anche l’uomo dei record, capace di dominare un 2018 difficilmente ripetibile da qualsiasi altro pilota e di vincere una manche, quella in Lettonia, con una caviglia fratturata da 5 minuti (qui trovate il video). “The Bullet” ha voglia di riprendersi presto quello che questa sfortunata stagione gli ha tolto.

VIVO GIORNO PER GIORNO

Jeffrey come stai e quando ti rivedremo in pista?

“Io sto bene, grazie!. Ovviamente il 2019 è stato terribile per me, finora, per quanto riguarda le lesioni che ho avuto, ma proveremo a tornare in pista il prima possibile, ma la natura richiede talvolta il suo tempo per guarire al meglio”

Cosa ti ha insegnato una stagione così difficile come questa?

“Che non puoi pianificare la tua vita e la tua carriera, e che serve vivere ogni giorno per trarne il massimo senza pianificare nulla in anticipo.”

Si è parlato tanto di un tuo possibile approdo nel National, puoi dirci quanto è stata reale questa possibilità?

“Con KTM abbiamo deciso che era la decisione migliore non andare negli USA, e dopotutto non ero ancora pronto a farlo, dato che il mio piede non era del tutto guarito abbastanza quando il campionato ha avuto inizio.”

In tanti, anche qui in Italia, ti considerano il pilota migliore al mondo, come ti senti?

“Ora non sono così forte (ride, ndr) ma grazie per le gentili parole. Il 2018 è stato un grande anno, spero di ritornare presto a quel livello.”

Il motocross delle Nazioni molto probabilmente è il tuo grande obiettivo stagionale, cosa ti aspetti dagli americani e da piloti come Roczen e Musquin?

” Questi sono grandi piloti, tra i migliori, mi aspetto che saranno velocissimi se saranno presenti.”

L’arrivo di Jorge Prado nel mondiale 2020, cosa potrebbe cambiare in campionato? Pensi che KTM schiererà 3 moto?

“Assolutamente si perchè ci saremo io, Tony e Jorge.”

Ultima domanda: hai intenzione di provare in futuro la KTM MotoGP?

“Non per il momento, forse in futuro. Per ora voglio concentrarmi sulla mia normale moto 450 KTM e tornare a lavorare bene su questa sperando di tornare a vincere presto. Ma chi lo sa per il futuro, forse!”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MXGP, Jorge Prado

MXGP, Jorge Prado cade a Malagrotta: operato alla gamba sinistra

MXGP Imola 2019

MXGP, a breve la prevendita online per l’ultimo round 2020 a Imola

Tony Cairoli: “Rally Tuscan Rewind esperienza fantastica”