Superbike, partenza Argentina 1

Superbike: Gli scioperanti si giustificano “La pista non era sicura”

I sei piloti che si sono rifiutati di partire in gara 1 hanno diffuso questa nota, per spiegare le ragioni della decisione. Ma gli altri dodici sono partiti e arrivati...

13 ottobre 2019 - 7:29

I sei piloti Superbike che hanno deciso di non prendere il via in gara nel round Argentina sul tracciato di El Villicum hanno diffuso questo comunicato per spiegare la loro posizione. Lo riportiamo integralmente, facendo notare che la corsa si è regolarmente disputatata (con appena dodici partenti) senza neanche una caduta. Ricordiamo che a non prendere il via sono stati Leon Camier, Eugene Laverty, Ryuichi Kiyonari, Marco Melandri, Sandro Cortese e Chaz Davies.

IL COMUNICATO DEI PILOTI

Le moto da corsa sono il nostro sogno d’infanzia, la nostra passione e il nostro lavoro. Non vogliamo altro che correre e dare il massimo quando le luci si spengono. Non vorremmo mai deludere i fan presenti, gli spettatori a casa, i nostri sponsor, i nostri team o i Costruttori che rappresentiamo. Tuttavia, a volte devi difendere ciò che è giusto, soprattutto quando si tratta della sicurezza del pilota. Di seguito forniamo alcune informazioni sul perché sei di noi, con riluttanza, hanno  preso la decisione di non correre. 

Venti minuti prima dell’apertura della pit lane, la maggior parte dei piloti del WorldSBK (14 su 18) si sono incontrati in privato. Eravamo tutti d’accordo sul fatto che non eravamo a nostro agio a correre viste le condizioni della pista qui a San Juan. L’opzione preferita era quella di annullare la gara di sabato e di proseguire domani. Con due gare di piena lunghezza (21 giri, ndr) nelle condizioni più fresche previste per domenica. Questa opzione è stata espressa all’organizzazione. Ancora una volta, la maggior parte dei piloti  ha convenuto che questo era il miglior compromesso. Correre di domenica piuttosto che di sabato avrebbe dato  agli organizzatori la possibilità di pulire ulteriormente il circuito e trarre vantaggio dalle temperature più basse. Nelle condizioni più fresche sperimentate durante la sessione FP3 del mattino tutti i piloti hanno concordato che il circuito fosse in condizioni accettabili. 

Comprendiamo che il lavoro da eseguire in pista è stato gravemente ritardato, il che significa che l’asfalto è stato terminato solo nei giorni precedenti l’evento WorldSBK. Ciò apparentemente non ha dato il tempo alla superficie di stabilizzarsi e quindi oggi, con le  temperature estremamente elevate della pista, gli oli di catrame sono affiorati in   superficie. Comprendiamo che è stato questo olio che probabilmente ha causato l’highside di Haslam (venerdi, nella FP1) e ha mandato Baz in ospedale (nella Superpole, ndr). Entrambi mentre sono caduti nel loro giro d’ingresso in pista. 

Questa situazione riguardo l’olio è stata confermata appena dieci minuti prima dell’apertura della corsia dei box quando un commissario FIM coinvolto nell’ispezione finale del circuito ci ha mostrato delle foto che mostravano le infiltrazioni di olio a cui avevano assistito pochi istanti prima. La nostra idea dopo aver visto queste immagini era che non vi era alcun modo per l’organizzazione di far partire  una gara che avrebbe determinato rischi così evidenti. 

Per diversi mesi tutti sono stati consapevoli delle condizioni che probabilmente avremmo trovato a San Juan. Nonostante ciò, siamo arrivati ​​qui trovando un circuito che, a nostro avviso di piloti, non è adatto allo scopo. Ciò è stato confermato da un rappresentante della FIM. Che ci ha detto che questo circuito non soddisfa i requisiti di omologazione, anche prima dell’inizio del fine settimana. Ci sono tanti aspetti che non sono all’altezza.

Oggi è stata la nostra opportunità essere un gruppo e dimostrare che siamo preparati solo a correre gli enormi rischi che facciamo sui circuiti che soddisfano gli standard di sicurezza richiesti del 2019. A causa delle varie pressioni esterne esercitate sui piloti e gli  interessi personali, il nostro gruppo di 14 piloti si è diviso e la nostra voce non è stata ascoltata. Invece, noi sei siamo stati fatti apparire come una minoranza dirompente che non voleva andare a correre, il che non è vero.

Confidiamo che gli  organizzatori ci  assicurino che ogni circuito che visitiamo sia adatto allo scopo, indipendentemente dalle sfide che possono affrontare in diverse aree geografiche. Qualunque siano le sfide , è nostra opinione che almeno debbano ascoltare i piloti. Ed essere pronti ad adattare il programma durante il fine settimana se è nell’interesse della sicurezza.

Nessuno vuole che il cambiamento avvenga solo a causa di un incidente. Speriamo che, dopo oggi, ci sia  una cooperazione continua e rafforzata tra i piloti, i team, Dorna e la FIM. Per garantire che la sicurezza dei pilota  rimanga la priorità nel nostro sport.

Ora, prepariamoci a correre domenica. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sylvain Guintoli, SBK

Massimo Rivola giù duro: “SBK in direzione sbagliata, Ducati ha un motore MotoGP”

Superbike, 2020

Superbike Ecco il calendario 2020, Qatar anticipato a marzo

can oncu supersport

Nuove sfide: Dalla Moto3, Can Öncü approda in World Supersport