SBK, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea… mi scappa la pipì

Il campione della Superbike Jonathan Rea racconta un retroscena curioso sul bisogno impellente di andare in bagno prima di una gara.

19 dicembre 2019 - 8:00

Sulla griglia di partenza la necessità di fare pipì può essere di disturbo alla concentrazione prima di una gara. Jonathan Rea, campione del mondo di Superbike, ha raccontato la sua esperienza in materia, un argomento di cui non si sente mai parlare. L’adrenalina rende ancora più impellente questa necessità non solo durante l’attesa in griglia, ma anche nel corso della gara. “Vado così tante volte, onestamente, è assolutamente pazzesco!“, ha commentato il pilota Kawasaki a Motorsport-Magazine.com.

REA A DONINGTON PARK 2017

Un continuo viavai per evitare che il bisogno distolga l’attenzione nei momenti salienti di una gara. “L’ultima cosa che voglio pensare sulla griglia è ‘ho bisogno di fare pipì’. Quindi, se ho bisogno vado subito fuori dalla griglia, perché non voglio che sia un fattore di distrazione nel mio cervello. Vado in bagno cinque o sei volte prima di una gara – ha ammesso Jonathan Rea -. È strano, no? Nei giorni delle prove non pensi al bagno così spesso, ma quando l’adrenalina sta pompando…“. A volte la “strategia della vescica” non va secondo i piani, come a Donington Park nel maggio 2017. “Ero seduto in griglia e stavo scoppiando, l’ho fatta nella tuta. Così tanto che gocciolava giù e c’era una piccola macchia sotto la mia moto… Il mio capo meccanico Uri [Pallarès] pensava fosse acqua o olio, o qualcos’altro dalla moto“.

Nel passato i piloti erano liberi di scendere dalle moto in griglia e farla a terra, sotto gli occhi dei fan e delle telecamere. Ora non è più ammesso, anche se in varie occasioni Jonathan Rea non ha potuto evitare un simile comportamento. Ma l’hanno ripreso verbalmente dicendogli in caso di recidiva avrebbe pagato una sanzione di 5000 euro. “Non credo che gli sponsor siano molto contenti che si vada in bagno sulle loro insegne, cosa che capisco perfettamente. Continuo a chiedere di questo nella commissione di sicurezza. Nel World Superbike, a seconda di dove si trova la tua posizione di partenza, i servizi igienici possono essere a 200 metri di distanza. Quindi raggiungerli è abbastanza complicato”.

Jonathan Rea, “In testa, la mia biografia” Clicca qui per acquistare on line

1 commento

fabu
11:06, 19 dicembre 2019

come fa a gocciolare fin sotto la moto se ha la tuta che entra negli stivali lo sa solo lui.ma neanche se ha gli stivali sotto, vabbeh fare i fenomeni e dire cose per impressionare i tifosi, ma questa volta, è il caso di dirlo, JR l’ha fatta fuori dal vaso…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Sono abituato ad essere un campione”

Superbike, Loris Baz

Superbike: Loris Baz, il motore Yamaha 2020 arriverà dopo lo stop forzato

Superbike, Michael van der Mark

Superbike, Olanda in agosto piace a van der Mark: “Stavolta non nevicherà”