Superbike Donington Jonathan Rea furioso “Come se mi avessero sparato”

Superbike Donington Jonathan Rea furioso "Come se mi avessero sparato" Il leader del Mondiale non la manda giù. E vuole vederci chiaro...

27 maggio 2017 - 17:12

Jonathan Rea, fortunatamente incolume, è infuriato: perdere da Tom Sykes sarebbe già stato doloroso, figuriamoci lasciare per strada anche i 20 punti del piazzamento. Un problema tecnico ha clamorosamente riaperto un Mondiale che il due volte iridato aveva già ipotecato. “All’improvviso ho cominciato ad avvertire vibrazioni fortissime, è per questo motivo che Tom mi ha superato” racconta il 30enne nordirlandese. “Sentivo che il problema era serio ma con Chaz Davies caduto volevo assolutamente arrivare al traguardo. Ad un tratto ho sentito come se il fianco sinistro dello pneumatico fosse esploso, ricordo con esattezza ogni istante del volo, andavo molto forte ed è stato spaventoso. Ho avuto come l’impressione che un cecchino nascosto nella folla mi avesse sparato.” 

Rea proprio non la manda giù. “Sono veramente arrabbiato, adesso voglio capire esattamente quello che è successo. Ero in testa, stavo conservando le gomme e l’energia per giocarmi la vittoria nel finale. Mancavano solo sei giri, avevo tutto sotto controllo. Adesso c’è anche il problema di dover partire in quarta fila, causa il ritiro. La cosa più importante è che domenica mattina non mi svegli pieno di dolori, perchè la botta è stata molto forte.”

Superbike Donington La spiegazione ufficiale della Pirelli

Superbike Donington Ecco com’è caduto Jonathan Rea

Superbike Donington Gara 1 Cronaca e classifiche

Superbike Donington Il ricordo di Nicky Hayden

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi tra gli sceicchi: semaforo verde sulla 12 Ore di Abu Dhabi

Lewis Hamilton e Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Prima ero un fan di Lewis Hamilton, ora di più”

Scott Redding

Superbike: Scott Redding “Ducati ha tutto per vincere”