Superbike Alex Lowes va in MotoGP, ecco la Yamaha per Marco Melandri

Comincia a muoversi il mercato Superbike 2017: Marco Melandri è (quasi) fatta con Pata Yamaha e presto comincerà a girare

27 aprile 2016 - 6:20

Anche in Superbike i contratti dei top rider sono in scadenza ma intanto il mercato 2017 ruota intorno a chi adesso non corre, cioè Marco Melandri.

Alex Lowes, 25 anni, è destinato alla MotoGP. Nel week end di Jerez, oltre a gustarsi il trionfo in Moto2 del gemello Sam, il biondo britannico ha (quasi) chiuso con Yamaha Tech3, dove prenderà il posto del connazionale Bradley Smith passato in KTM.

Si libera così la Yamaha Pata per Marco Melandri. Lo sponsor Remo Gobbi è stato chiaro, serve un pilota italiano di carisma per riportare in alto l’indice di gradimento Superbike e puntare al titolo. E in Yamaha Europa ha trovato terreno fertile, perchè a capo delle operazioni c’è Andrea Dosoli che è sempre stato uno dei più grandi estimatori di MM33. Per cui è (quasi) fatta. Ma c’è di più: Melandri, fermo da fine giugno scorso quando lasciò Aprilia MotoGP, ha chiesto di poter accelerare i tempi, cioè avere la possibilità di girare molto questa estate per conoscere a fondo la YZR-R1 e presentarsi al top per l’inizio del Mondiale 2017. La lunghissima pausa estiva, quasi tre mesi senza gare, darà una mano.

Melandri affiancherà Sylvain Guintoli, che in Pata è ormai di famiglia.

 

7 commenti

Sbulbor
9:04, 27 aprile 2016

Comprati una R1 Marco suvvia 😉

marcogurrier_911
5:04, 27 aprile 2016

Buongiorno,
Chissà che cosa ne pensa il buon Sylvain….
In ogni caso, avrei trovato più suggestivo – è giusto – dare l ultima carta in carriera a Melandri sulla Ducati ufficiale.

davidef_884
3:04, 27 aprile 2016

è vero qualche risultato l’ha avuto, ma speriamo si giochi bene questa che sa di essere l’ultima carta da giocare. non è famoso per essersi fatto amare nei team sbk dove è transitato (se nessuno l’ha ingaggiato nel 2016 un perché ci sarà)

andreattfan
1:04, 27 aprile 2016

Contenti in Pata Yamaha, contenti tutti; nome di richiamo Melandri? Poi bisogna sentire il fior fiore di giornalisti lamentarsi che ai giovani piloti non vengono concesse occasioni, quando sono gli stessi a gongolare per il ritorno di un pilota bollito da anni. L’italietta dei soliti giochi di potere anche qui, che tristezza!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding e il triplice smacco di Misano

Loris Baz, Ducati

MotoAmerica, La Ducati in fumo spegne il sogno di Loris Baz

ana carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della ‘guerriera rosa’. “Una gara pazza!”