Superbike, Jonathan Rea

Jonathan Rea premiato al Crowne Plaza: “In pista né odio né amici”

Jonathan Rea eletto "Motociclista irlandese dell'anno" per il 5° anno consecutivo. Il campione Superbike: "Non odio i miei rivali, ma non ci sono amici".

18 gennaio 2020 - 14:59

Jonathan Rea, cinque volte campione del mondo Superbike, è stato nominato ‘Motociclista irlandese dell’anno’ per il quinto anno consecutivo. Il pilota Kawasaki, primo pilota in assoluto a vincere cinque titoli mondiali, ha ricevuto il premio al Crowne Plaza di Belfast venerdì sera. Nel medesimo evento premiati anche Peter Hickman, eletto International Road Racer of the Year, e Jack Kennedy, miglior pilota dei circuiti della Gran Bretagna. Il pilota stradale Ryan Farquhar è stato inserito nella Hall of Fame.

Riceve questo premio per la settima volta e si porta ad una sola distanza dal grande Joey Dunlop, otto volte vincitore tra il 1979 e il 2000. A Jonathan Rea il merito di aver colmato un deficit di 61 punti da Alvaro Bautista e vinto con un gap di 165 punti sullo spagnolo ex Ducati. Dopo un inizio di Mondiale in salita ha guadagnato secondi, macinato vittorie, fino al sorpasso avvenuto a Donington Park a luglio, con un triplice trionfo. Ha continuato a mettere in cassaforte vittorie e podi, fino ad arrivare alla matematica certezza a Magny-Cours in Francia, con due round di anticipo.

REA RINCORRE LA SESTINA MONDIALE

Un’impresa che nessuno avrebbe mai pensato possibile dopo i primi quattro Gran Premi del 2019. Jonathan Rea ha ricevuto una standing ovation dalla folla riconoscente mentre saliva sul palco agli Irish Motorbike Awards. “È qualcosa che non ho mai dato per scontato e sono molto fortunato ad essere in questa posizione“, ha detto il campione della Superbike. “Essere in una stanza piena di così tante star del motociclismo dell’Irlanda del Nord e rappresentare la vetta nel mondo mi fa sentire davvero orgoglioso. È sempre l’ultima cerimonia di premiazione a cui vado prima di iniziare la nuova stagione ed è la ciliegina sulla torta. Non vedo l’ora che arrivi il prossimo campionato“.

Jonathan Rea riprenderà i test invernali la prossima settimana a Jerez in Spagna, poi a Portimao in Portogallo. Inizia il conto alla rovescia verso l’inizio del WorldSBK 2020, in vista della prima tappa australiana a fine febbraio. Continua la sua preparazione tra palestra e motocross nella sua amata Irlanda del Nord. “Devi essere davvero in forma per essere pronto a reagire in una frazione di secondo a qualsiasi situazione“, ha detto il 32enne in un’intervista della BBC. “Sono in cima, quindi posso solo perdere. Se non investo molto, sarò battuto“. Non ha bisogno di trovare stimoli negli avversari: “Non odio nessuno dei miei rivali. Cerco di rispettare tutti il ​​più possibile. Ma so anche di cosa si tratta. È un campionato mondiale, tutti vogliono vincerlo e ci sono molti soldi in gioco. Solo uno può vincere, quindi non puoi rendere felici i tuoi avversari. Non puoi essere amico, c’è troppo in gioco“.

Jonathan Rea, “In testa, la mia biografia” Clicca qui per acquistare on line

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista: “Siamo ancora lontani dal podio”

Scott Redding

Superbike: Scott Redding fantastico podio con Ducati, però…

Superbike, Michael Rinaldi: “Seconda metà di gara col passo dei primi”