Jonathan Rea

Superbike Phillip Island, warm up: Rea prepara la battaglia

Jonathan Rea svetta nei 15 minuti di warm up e prepara la sfida ad Alvaro Bautista nella sprint race. Marco Melandri settimo tempo

24 febbraio 2019 - 0:04

Jonathan Rea è stato il più veloce nei quindici minuti di warm up in preparazione alla Superpole Race che scatterà alle 12 di Phillip Island, le 02:00 in Italia. Saranno solo dieci i giri da percorrere, probabilmente in condizioni ambientali simili: 22°C aria e appena 20°C d’asfalto, valore molto lontano ai 42°C registrati durante gara 1 dominata da Alvaro Bautista e la Ducati V4R. Con la pista fresca Jonathan conta di poter dare battaglia: saranno 13 minuti di pura adrenalina. Lo spagnolo si è scaldato con il quarto tempo.

Kawasaki riscatto?

La sconfitta subìta dalla Ducati nella gara d’apertura del Mondiale 2019 non è andata giù  a Jonathan Rea tantomeno alla Kawasaki. La voglia di rivincita è palpabile, l’occasione ideale è la Superpole Race perchè gara 2, con caldo intenso, minaccia di riproporre gli stessi problemi di gestione gomma che sabato hanno indotto il campione del mondo ad accontentarsi del secondo posto. Intanto la Kawasaki ha brillato anche con Leon Haslam, secondo tempo nel warm up davanti ad Alex Lowes. Con la Yamaha GRT settimo crono di Marco Melandri, fermo in curva 1 per un problema tecnico.

Chaz Davies ancora lontano

La crisi del gallese sembra insolubile. Anche nel riscaldamento Chaz ha beccato un secondo netto (nono tempo) proprio non riesce a prendere le misure su questo tracciato alla V4R che nelle mani di Bautista sta volando. Rinaldi, che in gara 1 ha dato paga a Davies pur non  avendo mai corso prima su questo tracciato, è undicesimo. Ancora una caduta per Alessandro Delbianco, senza problemi fisici.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Leon Camier

Superbike, Leon Camier ancora out a Portimao

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Superbike: Scott Redding-Ducati, adesso c’è anche la firma

Jonathan Rea, Portimao Test

Superbike: Jonathan Rea prova l’evoluzione Kawasaki 2020