Superstock 600: a Monza per la quarta prova stagionale

Marino Vs Guarnoni, ma occhio agli italiani e wild card

6 maggio 2010 - 7:21

Un appuntamento che potrebbe stravolgere i valori in campo della categoria. L’Europeo Superstock 600 fa tappa a Monza per la quarta prova stagionale vivendo, secondo quanto riporta la classifica ed i responsi delle ultime gare, sul confronto tutto transalpino tra Jeremy Guarnoni e Florian Marino, staccati di 11 punti a vantaggio del pilota del team Morillas. Vincitore a Portimao, Guarnoni dovrà dare il massimo per resistere all’avanzata del suo più giovane connazionale Florian Marino, caduto al primo giro di Portimao quando era scattato dalla pole position, vincendo tra Valencia e Assen, resistendo proprio a Guarnoni con una maturità fuori dal comune per un ragazzo della sua età (16 anni). Il portacolori del team Ten Kate Race Junior arriverà inoltre a Monza con i riferimenti acquisiti settimana scorsa, quando ha preso parte al Campionato Italiano Velocità nella classe Supersport con una Honda dell’Emmebi Team. Un’esperienza importante che lo pone, di diritto, tra i favoriti, almeno nel folto gruppo di piloti “stranieri”.

Proprio così, perchè in Brianza sono gli italiani che possono fare la voce grossa (e con buona ragione). Il primo è Dino Lombardi, sul podio ad Assen con uno spettacolare attacco-sorpasso nei confronti di Fredrik Karlsen, competitivo anche nella prova del CIV sempre su Yamaha del Martini Corse. Stessa squadra, medesime ambizioni per Federico D’Annunzio: l’abruzzese nel campionato italiano ha corso tra le Supersport (ma con la R6 “Stock”) per preparare il round di Monza con gli pneumatici Pirelli (nella serie tricolore vi è il monomarca Dunlop nella Stock 600). Quarto ad Assen, D’Annunzio è chiamato alla riconferma. Al riscatto Davide Fanelli, fin troppo sfortunato: grandi prestazioni in gara con passo da podio, non altrettanto in qualifica con la Honda dell’All Service System by QDP. L’adattamento, secondo le aspettative personali e del team, sarà completato proprio a Monza, in una tappa dove tornerà in sella Riccardo Cecchini, fuori gioco ad Assen per una caduta nelle prove.

I quattro italiani iscritti al campionato saranno affiancati da una folta schiera di wild card che proviamo a conoscere. Stefano Casalotti, portacolori del team Media Action by Pro Race, si è mostrato velocissimo nelle prime due prove stagionali del CIV, salvo cadere rovinosamente quando era in zona podio. Curiosità verso Riccardo Russo, iscritto con il Bike e Motor Racing Team, in un 2010 dove si alterna tra Stock 600 e Yamaha R Series Cup, vincendo a Vallelunga. Purtroppo non ci sarà Fabio Massei, dominatore del campionato italiano, fermato… dalla varicella, come da lui stesso comunicato in questi giorni tramite i più rinomati social network. Non mancherà invece l’argentino Leandro Mercado su Kawasaki del BWG Racing. Per chi non lo conoscesse ha 17 anni ed è campione AMA SuperSport in carica vincendo la finale di Daytona, e lo scorso anno ha corso con la Kawasaki ufficiale alla 200 miglia chiudendo nella top ten: impressionante. Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”