Superstock 1000: novità e wild card per il round di Misano

Colucci, Magnoni, Mandatori Biaggi tra le wild card

5 giugno 2012 - 21:22

Al ritorno in pista dopo un buon mese di sosta, la Superstock 1000 FIM Cup per il quarto appuntamento stagionale presenta diverse novità in griglia tra sostituzioni, nuovi abbinamenti ed una vasta schiera di competitive wild card.

Passato a tempo pieno al Mondiale Superbike con la Kawasaki ufficiale, non ci sarà più tra gli attesi protagonisti della Superstock Loris Baz, sostituito al team MRS Racing di Adrien Morillas dall’ex campione Europeo Superstock 600 Jeremy Guarnoni, passato (tornato) dal Team Pedercini alla formazione transalpina. In compenso la squadra mantovana accanto a Bryan Staring ha deciso di dare una possibilità al giovane sudafricano David McFadden, classe ’90, campione nazionale Supersport in carica e attuale capoclassifica del campionato Superbike sempre con una Kawasaki Ninja ZX-10R.

Proseguirà invece l’avventura con SK Energy Racing Team accanto a Marco Bussolotti e Tomas Svitok il ceco Ondrej Jezek, già in pista con la Ducati 1098R a Monza e recente vincitore della prova dell’Alpe Adria Road Race Championship a Brno.

Passando al plotone di wild card, da seguire con interesse Domenico Colucci, ex-portacolori del Ducati Xerox Junior Team tra Superstock 1000 e 600, iscritto dal Motoclub Matera Corse e schierato dal Play Racing Team con una competitiva BMW S1000RR di Fabrizio Biason. Con questa moto ha ben figurato nel Trofeo del Centauro a Vallelunga e ha già avuto modo di provare nei giorni scorsi al Misano World Circuit.

Tornerà anche nell’ambito della FIM Cup Michele Magnoni, 3° ad ex-aequo con Andrea Antonelli nella stagione 2010, al via con una BMW S1000RR del rinnovato G.m. Racing. Ripeteranno invece l’esperienza di Monza i fratelli Tommaso e Matteo Gabrielli con le Aprilia RSV4 APRC dell’omonimo Racing Team Gabrielli, torna in pista Federico Mandatori Biaggi con una Suzuki GSX-R 1000 del Team 3.

A completare la folta pattuglia di wild card da segnalare Riccardo Fusco (BMW S1000RR del Techno Team, 12° lo scorso anno a Monza) e l’esordiente ceco Jan Halbich con una Kawasaki ZX-10R.

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Eugene Laverty su di giri: “Dopo la pausa torno a giocarmi il podio”

Walderstown fatale a Darren Keys

Tom Sykes, un altro podio: “BMW, la crescita è impressionante”