Supersport: Sebastien Charpentier “Volevo tornare”

Parla il nuovo pilota Triumph BE1 nel WSS

20 gennaio 2010 - 5:41

Due volte Campione del Mondo, fino all’ultima vittoria di Kenan Sofuoglu il pilota più vittorioso nella storia della categoria con 13 vittorie e ben 22 pole position. Sebastien Charpentier dopo due stagioni di assenza torna a correre nel World Supersport, non più con la Honda con cui ha sempre corso tra le 600cc, bensì con la Triumph ufficiale del BE1 Racing.

La notizia era circolata dai primi giorni del 2010, quando in Francia si parlava con insistenza di un possibile ritorno nel WSS di “Captain Seb”. La trattativa è andata avanti fino a trovare l’accordo in questi giorni alla vigilia di Portimao, con Charpentier nuovamente al via della Supersport con una Triumph Daytona 675.

Ho sempre avuto il desiderio di tornare!“, afferma Charpentier. “Mi mancava una sfida. E per me la sfida significa vincere. Questa stagione, correrò con la Triumph Daytona in una squadra al top con dei veri professionisti. Per me è una grandissima soddisfazione e vorrei ringraziare tutti quelli della Triumph e della BE1 Racing di Giuliano Rovelli per avermi fatto la proposta per correre con loro.

Dopo due anni ‘allenando’ giovani talenti e correndo nel Mondiale Endurance, mi sento tuttora pronto fisicamente e mentalmente per attaccare il campionato Supersport. Per me, la Triumph è una macchina da guerra… sono sempre stato attratto da questa moto. Sono pronto per salirci sopra e lavorare con la mia squadra per dare il meglio di me stesso. Sarò già con loro questo weekend sul circuito di Portimao“.

Come ha detto lo stesso Charpentier, nell’ultimo biennio ha corso qualche gara nell’Endurance, chiudendo nel 2009 al secondo posto assoluto la 24 ore di Le Mans con la Honda France. Non è mai stato comunque mai lontano dal paddock della Superbike, seguendo da vicino per conto del team Ten Kate i giovani piloti della Superstock, Maxime Berger in primis. Adesso per Sebastien c’è soltanto voglia di tornare a correre, per ritornare ad essere il pilota più vittorioso di sempre del mondiale Supersport.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp aragon

MotoGP/Superbike, ad Aragón tutti gli eventi a porte chiuse

Superbike, Ana Carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della guerriera: “Se cadi sette volte, rialzati otto”

Superbike, Tom Sykes

Superbike, Tom Sykes impaziente “BMW deve dirmi adesso se andiamo avanti”