Supersport: Eugene Laverty prova la nuova pista di Silverstone

Positivi i riscontri dopo la giornata di test

11 giugno 2010 - 11:02

Il team Parkalgar Honda ha effettuato nella giornata di ieri una sessione di test sul nuovo tracciato di Silverstone, che ospiterà il Circus Superbike nel week-end compreso tra il 30 luglio e il primo di agosto. Eugene Laverty ha potuto beneficiare di un tracciato completamente libero nella sessione pomeridiana poiché, in quella che era una giornata aperta a qualsiasi motociclista, in mattinata la pioggia aveva letteralmente fatto “scappare” gli altri centauri.

L’ex pilota del mondiale 250cc, vice campione in carica del mondiale Supersport, si è detto molto contento della nuova configurazione della pista e del set-up fino ad ora trovato, che gli permetterà di avere un notevole vantaggio rispetto agli avversari nella lotta al titolo di categoria. Assente il compagno di squadra Miguel Praia, il quale probabilmente recupererà il terreno perso in una seconda sessione di test ancora da definire quanto a date.

“Il nuovo Silverstone è un tracciato molto bello”, commenta Eugene Laverty. “Il tempo è stato un po’ avverso questa mattina, ma una volta imparata la pista e asciugatasi ho incominciato a divertirmi. Le ultime due sessioni sono state fantastiche, visto che una volta asciutta la pista gli altri piloti erano già andati via, quindi è rimasta libera per svolgere il nostro lavoro.

La nuova sezione “Arena” è davvero grande, che ti porta da una parte all’altra del circuito, quella sarà una bellissima zona per gli spettatori dove poter assistere. Il giro è molto lungo ma siamo riusciti a trovare una rapportatura quasi ideale e ora so districarmi bene qui, è stata davvero una bella giornata.”

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: il salto nel vuoto con BMW

Superbike BMW

Superbike, BMW cala gli assi: Baz e Laverty UFFICIALI nel 2022

Superbike, Jonathan Rea e il team KRT

Superbike, KRT si scusa con Jonathan Rea: “Non abbiamo dato il 100%”