Tourist Trophy: Rutter trionfa al TT Zero e supera le 100 mph di media, 2° McGuinness

Buon esordio per la Mugen

6 giugno 2012 - 13:39

Missione compiuta! L’edizione 2012 del TT Zero all’Isola di Man ha visto per la prima volta non una, bensì tre moto spinte da un propulsore “elettrico” infrangere il muro dei 100 mph di media sul giro del Mountain Course. Michael Rutter, già vincitore lo scorso anno, si è ripetuto ai comandi della rinnovata MotoCzysz E1pc ufficiale facendo registrare nell’unica tornata della contesa il best-time in 21’45″33 a 104.056 mph di media (pari a 167.46 km/h), migliorando il primato “ufficioso” siglato nelle prove del lunedì a 102.50 mph. In trionfo nella passa edizione a 99.604 mph, “The Blade”, pluri-vincitore alla North West 200 (13 successi) e al Macau Grand Prix (7 vittorie), ha celebrato così la terza personale affermazione al Tourist Trophy per il tris di MotoCzyz, factory fondata da Michael Czysz tra le prime a credere al progetto TT Zero, già sul gradino più alto del podio nelle edizioni 2010 (con Mark Miller, 3° oggi sul traguardo) e 2011 con lo stesso Rutter. Un primato che vale l’assegno di 10.000 sterline stanziato come premio dall’Isle of Man Government Department of Economic Development, scrivendo un nuovo capitolo nelle pagine di storia del Tourist Trophy a 55 anni di distanza dal primo “100 mph” di Bob McIntyre nel 1957, ma con una moto spinta da un propulsore “tradizionale”. Se Michael Rutter celebra la vittoria e MotoCzyz l’atteso 1-3, conclude in seconda posizione all’esordio la Mugen Shinden affidata a John McGuinness, in rimonta verso la salita della Montagna tanto da concludere a soli 23″ dal vincitore con un giro 102.215 mph, distanziando l’altra E1pc di Mark Miller (101.056 mph). Per il “Morecambe Missile” in versione “elettrico” sfuma così una potenziale 20esima vittoria al TT, promuovendo tuttavia il progetto di Mugen Power all’esordio assoluto al Tourist Trophy al culmine di un dettagliato progetta di test pre-evento tra Giappone (Suzuka e Motegi) e Regno Unito (lo scorso mese di maggio a Cadwell Park).

Giù dal podio, staccato di 7′ dalla vetta, ha concluso la Zero Emission TGM affidata a Rob Barber, vincitore del TTXGP 2009 con la Agni Motors, mentre dopo poche miglia ha salutato la compagnia la Komatti-Mirai di Yoshinari Matsushita. Non ha preso il via invece la sperimentale R6E elettrica su base ciclistica Yamaha YZF R6 del nostro Team Vercar Moto affidata a Gary Johnson, fermo per un problema nelle prove, rimandando il tutto all’edizione 2013 con un anno di sviluppo in più sulle spalle. Cronaca di Gara Dopo numerosi slittamenti del programma a seguito delle avverse condizioni climatiche, alle 15:40 locali di mercoledì 6 giugno prende il via all’Isola di Man la terza edizione (quarta contando l’esperimento del TTXGP 2009) del “TT Zero”, un solo giro del Mountain Course da percorrere per le moto ad emissioni zero (perlopiù elettriche, spinte da propulsori a batteria) con un obiettivo comune: infrangere il muro delle 100 mph di media sul giro ed intascarsi l’assegno di 10.000 sterline messo in palio dall’Isle of Man Government Department of Economic Development. Nelle prove di lunedì Michael Rutter, vincitore lo scorso anno, era stato in grado di battere “ufficiosamente” questo primato a 102.50 mph con la rinnovata MotoCzysz E1pc, moto in trionfo nelle ultime edizioni con lo stesso “The Blade” (nel 2011 a 99.604 mph) e Mark Miller (nel 2010 a 96.820 mph), quest’anno a confronto con progetti interessanti da tutto il globo: Mugen Power con la Shinden affidata a John McGuinness, ManTTx con Olie Linsdell, la nipponica Komatti-Mirai affidata a Yoshinari Matsushita, Russ Mountford con la BX0. Purtroppo non prende il via la sperimentale R6E elettrica progettata e sviluppata dal nostro Team Vercar Moto con Gary Johnson in sella a seguito di un problema incontrato nelle prove. Finalmente alle 15:40 bandiera verde, chiazze d’umido lungo il percorso, Michael Rutter con la MotoCzysz #1 è il primo a prender il via da Douglas seguito dal compagno di squadra Mark Miller (#2) e da John McGuinness (#3), reduce dalla 19esima affermazione al TT conseguita lunedì tra le Superstock con Padgett’s Honda. Al rilevamento di Glen Helem Rutter viaggia a 114.868 mph di media, già con 36″ di margine su John McGuinness, 40″ rispetto al proprio team-mate Mark Miller con la KM1 Komatti-Mirai di Matsushita e la Zero Emission TGM di Barber (vincitore del TTXGP 2009 con la Agni Motors) staccati di oltre 2 minuti.

A “Ballaugh” il vantaggio del 13 volte vincitore alla North West 200 sale a oltre 50″ nei confronti di McGuinness e Miller, la speed trap di Sulby propone proprio l’americano al top nel computo delle velocità di punta a 132.600 mph (213.4 km/h) distante dalle 153.200 mph (246.55 km/h) registrate da Michael Rutter lunedì, segno delle condizioni climatiche non proprio ottimali. Si arriva all’Hairpin di Ramsey con Rutter a 119.653 mph letteralmente in fuga prima della salita verso la Montagna, dietro a oltre 50″ lotta aperta per il secondo posto tra McGuinness e Miller separati da soli 8″. Qui si decide la corsa con un piccolo “giallo”: al rilevamento di Bungalow Rutter scompare dalla classifica salvo riapprire a Cronk-ny-Mona e, soprattutto, sul traguardo. Vittoria per “The Blade”, seconda consecutiva al TT Zero e terza al Tourist Trophy, con la propria MotoCzysz E1pc guadagna anche l’assegno di 10.000 sterline grazie al 21’45″33, 104.056 mph di media. Buon esordio anche per la Mugen Shinden con John McGuinness, 2° a 23 secondi e sempre sopra le 100 mph (102.215 mph), completa il podio Mark Miller con la seconda MotoCzysz (101.065 mph). Fuori gioco al Mountain la KM1 Komatti-Mirai di Yoshinari Matsushita, chiude 4° a 7′ Rob Barber con la Zero Emission TGM. Isle of Man TT Races fuelled by Monster Energy 2012 Classifica SES TT Zero Race 01- Michael Rutter – Team Segway Racing MotoCzyz – MotoCzysz E1pc – 21’45.33 (104.056 mph) 02- John McGuinness – Mugen Power – Mugen Shinden – 22’08.85 (102.215 mph) 03- Mark Miller – Team Segway Racing MotoCzyz – MotoCzysz E1pc – 22’23.97 (101.056 mph) 04- Rob Barber – TGM IOT Vienna – Zero Emission TGM – 28’56.45 (78.221 mph) Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fim cev repsol

CEV, il calendario 2020: Doppio round in Portogallo, entra Misano

Michael Rutter

Clamoroso: Michael Rutter ufficializzato vincitore del Macau GP 2019

Macau

Cancellato il Macau Motorcycle GP 2019: nessun vincitore