Pikes Peak: La Ducati Streetfighter V4 ha ideal time paurosi

Carlin Dunne è stato velocissimo nelle prove del giovedi: il suo ideal time è ben 24 secondi sotto il precedente record! Giornata complicata per Luca Trivella

28 giugno 2019 - 18:20

Anche giovedi il più veloce in assoluto fra le moto è stato Carlin Dunne con la Ducati Streetfighter V4 Prototype (nella foto).  Il campione americano è stato il più rapido in tutte le sessioni, fino a fissare il crono su un 2:41.75 che lascia poche speranze agli avversari. Dopo il non esaltante risultato di ieri è tornato nelle posizioni di vertice Rennie Scaysbrook con l’Aprilia Tuono 1100 V4. Dopo un paio di salite abbastanza scialbe, ha stampato un 2:44.27 nel terzo run che lo colloca al secondo posto della gradiatoria odierna. Il rivale di Scaysbrook per il successo nella classe Heavyweight, Codie Vahsholz con la Ducati Multistrada 1260 PP è al terzo posto con 2:47.88. Precede nella classifica assoluta l’eroina di ieri, Lucy Glöckner e la sua BMW S1000RR.

IDEAL TIME: DUNNE STREPITOSO

Non è lontana neppure la moto elettrica dell’Università di Nottingham, affidata all’esperto Robert Barber con un buon 2:54.47. E’ incalzata da vicino dalla piccola e petulante KTM 450 SX-F schierata ufficialmente dalla casa austriaca ed affidata al velocissimo Chris Fillmore, vera spina nel fianco di macchine ben più potenti.
Calcolando una specie di “ideal time”, cioè il tempo totale ottenuto sommando i crono parziali dei tre tratti utilizzati nelle prove cronometrate, Carlin Dunne potrebbe vantare un tempo totale di 9:25.75. Cale a dire un tempo che migliorerebbe di quasi 24 secondi l’esistente record che appartiene a Chris Fillmore con la KTM 1290 Super Duke con 9:49.265. Questo fa crescere alle stelle l’attesa fra gli appassionati presenti.
Come curiosità da segnalare la presenza in gara di Travis Pastrana, ex campionissimo del motocross, qui ma in versione 4 ruote. Correrà  con una Porsche Cayman nel trofeo monomarca, che oggi ha ottenuto il miglior tempo di classe ed il nono assoluto.

LUCA TRIVELLA SOFFRE

Giornata poco serena oggi per Luca Trivella e la sua squadra. Il programma prevedeva quattro sessioni di prova sul tratto finale della Pikes Peak Toll Road, fra Devil’s Playground e l’arrivo. Ma dopo la prima salita, che Luca ha coperto in 3:35.95, sesto tempo della sua categoria, il motore della sua Aprilia ha cominciato a balbettare. Impegnando la squadra all’affannosa ricerca del problema, ricerca che purtroppo si è protratta a lungo, costringendo Trivella a disertare le altre salite di prova, fondamentali per cercare il settaggio ad alta quota.

LE ULTIME PROVE 

Adesso il tempo stringe e rimane solo una giornata di test per sistemare il mezzo. La corsa che inizierà le partenze alle 7.30 di domenica mattina, quando la bandiera verde darà il via al primo concorrente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Walderstown fatale a Darren Keys

CEV Moto2, Aragón: Edgar Pons si impone in Gara 2

CEV Moto3, Aragón: Prima vittoria per Artigas, Pizzoli sul podio