Glenn Irwin

North West 200: Glenn Irwin trionfa nella prima gara Superbike

Un'interminabile attesa ha prodotto un'emozionante prima gara della Superbike alla North West 200 con il successo di Glenn Irwin in volata su Hillier e Cummins.

18 maggio 2019 - 18:06

Un’attesa interminabile, ma ne è valsa la pena. La prima gara Superbike della North West 200 va in archivio con il successo di Glenn Irwin, in trionfo riuscendo a regolare in volata lo scatenato compagno di squadra James Hillier ed un ritrovato Conor Cummins. Passato da Ducati PBM a Bournemouth Kawasaki (BSB compreso), l’originario di Carrickfergus ha messo a segno la personale quarta affermazione in carriera al “Triangle” tra le Superbike, faticando tuttavia più del previsto in una contesa bagnata dalla pioggia.

IRWIN NON DOVEVA CORRERE

Se le condizioni non cambiano, io non corro“. Così, nella prima mattinata, affermava con decisione Glenn Irwin. In effetti le condizioni al “Triangle” non erano propriamente le migliori, con tre differenti partenze e ri-partenze della gara Supersport, anche a causa di incidenti e dell’olio lasciato da un paio di moto. Fortunatamente, nel tardo pomeriggio, le condizioni meteorologiche hanno permesso il via delle ostilità, invitando Irwin a schierarsi al via della prima gara Superbike.

VOLATA A TRE

Registrando il forfait di (tra gli altri) Ian Hutchinson, David Johnson e, soprattutto, Peter Hickman, la contesa accorciata nella sua distanza a soli 4 giri si è risolta soltanto all’ultima tornata. Preceduto dal compagno di squadra James Hillier, quest’ultimo schieratosi con la Kawasaki Superstock, Irwin ha fatto la differenza soltanto con un prodigioso sorpasso alla Juniper Hill Chicane dopo una serie di sorpassi e controsorpassi. Per una manciata di millesimi Glenn con la Ninja ZX-10RR Superbike ha avuto ragione di Hillier a completare l’1-2 Bournemouth Kawasaki, con Conor Cummins (Padgett’s Honda) terzo a completare il podio. Quarto Derek Sheils mentre il “Re” del meeting Alastair Seeley, al via con la Ducati Panigale V4 R del Paul Bird Motorsport, ha concluso 5° a precedere il rookie Richard Cooper (Buildbase Suzuki).

SPETTACOLARE SUPERSPORT

Altrettanto spettacolare ed avvincente la seconda gara del meeting riservata alla classe Supersport. Alla terza ripartenza, il 23enne Davey Todd (Padgett’s Honda) ha messo a segno la personale prima vittoria internazionale nelle corse su strada, di un soffio su Derek McGee e lo stesso Conor Cummins. Da segnalare che soli 15 road racers, tra questi il nostro Francesco Curinga (13°), hanno preso parte al via definito. La giornata ha subito infatti molteplici ritardi nel regolare svolgimento delle attività complici la pioggia, l’olio lasciato da diverse moto (anche da Seeley al secondo start) e persino un elicottero che ha “tagliato” dei cavi elettrici, lasciando senza luce 1200 persone al Triangle. Alla North West 200 succede anche questo…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kevin Manfredi

CIV Supersport: Kevin Manfredi assolto, ma non conterà

Federico Sandi

Federico Sandi correrà nella ASB1000 a Sepang con Ducati

Nozane

All Japan Superbike Okayama: Nozane e Yamaha fanno festa