MotoGP: Jorge Lorenzo “Non posso chiedere di meglio”

Soddisfatto della gara al Mugello e del vantaggio in classifica

6 giugno 2010 - 13:39

Il secondo posto ottenuto da Jorge Lorenzo nella gara del Mugello disputata questo pomeriggio, è un ottimo risultato se si tiene conto della lunga assenza che si prospetta per Valentino Rossi, quello che era il più acerrimo rivale per il titolo del maiorchino. Il pilota Fiat Yamaha ha esteso la leadership in campionato sul secondo, che ora è Dani Pedrosa, a 25 punti. Quest’ultimo oggi è riuscito a dargli paga, mostrando un passo fenomenale sulla distanza che “Porfuera” pareva avere, ma che ha smarrito nella giornata di domenica.

Niente di grave in ogni caso per il #99, il quale è convinto di dover cambiare qualcosa nel proprio stile di guida, e chiede a Yamaha di aumentare la potenza della sua YZR-M1, decisamente inferiore nel confronto con le Honda ufficiali.

“Sfortunatamente il mio passo oggi non era buono come quello di ieri”, commenta Jorge Lorenzo. “sono riuscito a terminare solo secondo, qualcosa è successo e non sono riuscito a guidare nello stesso modo, ma sono contento del risultato. In ogni caso Dani (Pedrosa) ha fatto la gara perfetta oggi; aveva un ritmo straordinario e non so se sarei riuscito a batterlo anche se fossi stato veloce come ieri! Prendere 90 punti su 100 è grandioso e sono in testa al campionato, quindi non posso chiedere di meglio.

Devo fare qualche miglioramento nel mio stile di guida e c’è bisogno che Yamaha aumenti la potenza della moto un pochino, così possiamo lavorare su un po’ di cose, ma sono comunque positivo per le prossime settimane. E’ stato molto strano oggi senza Valentino, sono molto contento che i fan lo hanno onorato al meglio. Volevo vincere per dedicargli la vittoria ma non è stato possibile, quindi l’unica cosa che posso dire è che si riprenda presto.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Eddi La Marra:”Il Mugello non mi piace, ma voglio restare leader”

MotoGP, Sylvain Guintoli: “Ad Austin vittoria di squadra”

MotoGP, Jorge Lorenzo all’assalto di Jerez… con gli scongiuri