MotoGP: Andrea Dovizioso “Podio al Mugello davvero speciale”

Sul podio al Mugello per la prima volta in MotoGP

6 giugno 2010 - 13:39

Cosa significa per un italiano salire sul podio della MotoGP al Mugello? Chiedere ad Andrea Dovizioso, sinceramente emozionato per il terzo posto ottenuto oggi al Gran Premio d’Italia della classe regina nonostante sia stato battuto dal compagno di squadra Dani Pedrosa. L’ex iridato della 125cc è riuscito a recuperare dopo qualifiche difficili (partito dall’ottava posizione in griglia) con una gara davvero positiva, tanto che è riuscito a lottare addirittura con Jorge Lorenzo per la seconda posizione.

Con questo risultato Andrea Dovizioso è quarto in campionato e guarda con fiducia alle prossime gare a cominciare da Silverstone, dove si aspetta quel salto di qualità per puntare alla vittoria.

E’ davvero speciale essere sul podio al Mugello davanti al pubblico di casa“, ammette Andrea Dovizioso. “Non ci ero mai riuscito prima in MotoGP, avevo soltanto visto il podio in questi anni dal mio box. E’ stata un’esperienza davvero emozionante stare lì davanti a tutti gli appassionati e tifosi.

Oggi ho fatto una buona partenza ed è stata determinante per la gara: volevo lottare con Lorenzo, penso sarebbe stata una bella lotta fino all’ultimo giro, ma non sono riuscito a riprenderlo. Passo dopo passo ci stiamo avvicinando ai primi, non siamo lontani, ma dobbiamo fare il passo successivo per provare a vincere. Tre podi è sicuramente un buon inizio di stagione ed è importante per il campionato, merito del lavoro svolto durante tutto l’inverno ed in queste prime gare.

Complimenti a Dani per la vittoria, aveva un ritmo incredibile, per me è una motivazione in più per poter realizzare quel passo in avanti che mi aspetto“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, lutto in Ducati: è deceduta la moglie di Davide Tardozzi

Superbike, Michele Pirro

Superbike: CIV, Michele Pirro che botto al Mugello (VIDEO)

Valentino Rossi al Ranch di Tavullia

“Valentino Rossi mi ha allucinato”: l’ex pilota ricorda una giornata al Ranch