MotoGP: Razali (Petronas Yamaha) lancia la sfida, Poncharal (KTM Tech 3) risponde

Razlan Razali ed il SIC Racing Team pronti all'esordio in MotoGP, ma non manca una simpatica sfida al boss Tech 3 Hervé Poncharal.

26 dicembre 2018 - 16:34

Se i piloti della MotoGP sono in sostanza dei concorrenti nati, è spesso lo stesso anche per il loro entourage sportivo, dalla semplice meccanica al loro team manager, di solito persone appassionate come il loro pilota.

Questa volta è grazie all’amicizia che unisce i 2 uomini che Razlan Razali, il direttore del Sepang International Circuit che ha appena lanciato, grazie alla partnership con Yamaha, il Team SIC Racing Team Petronas con Franco Morbidelli e Fabio Quartararo nel 2019 in MotoGP, sul sito britannico Crash.net ha sfidato il boss di Red Bull KTM Tech 3 Hervé Poncharal.

Queste le parole di Razlan Razali: “Ho fatto una scommessa personale con Hervé [Poncharal] di Tech3. Finalmente sarò in MotoGP con lui e saremo concorrenti in pista, ma cercheremo di rimanere amici al di fuori di esso. Certo, ci sono un sacco di squadre da battere, ma per prima cosa dobbiamo battere Hervé! Quest’anno ho lavorato molto con Tech 3, anche come ospite di Syharin nel suo box, ma ora dovrò cambiare un po’ la mia posizione e dare un’occhiata ad Hafizh dalla corsia dei box!”

Ovviamente, una tale dichiarazione è un guanto lanciato nell’aria verso il capo Tech 3, e non è passato molto tempo prima che Hervé Poncharal, divertito, non accettasse la sfida. Così abbiamo raccolto la sua risposta che porta un tocco di leggerezza nel paddock, poco prima delle vacanze di fine anno.

Hervé, abbiamo visto sulla stampa che c’era una scommessa amichevole tra te e il signor Razlan Razali. Combattere sembra essere il suo primo obiettivo in MotoGP, quasi un’ossessione. Sappiamo che è tuo amico, ma cosa hai da dirgli?

“Per me è un amico, potrei incontrarlo e lavorare con lui, ed è stata una grande scoperta sia dal punto di vista umano che professionale. Ma quello che mi diverte è che, anche se invecchiamo, restiamo sempre eterni adolescenti e, alla fine, ci fa arrabbiare vedere che quello è più lontano, quell’altro ha la moto più veloce o quell’altro ancora segna più punti. Le sue dichiarazioni mi hanno fatto ridere.

“Tutto quello che posso dire è che vedremo quanti punti raccoglieranno i nostri rispettivi piloti in MotoGP alla fine della stagione 2019, ma logicamente lui vorrebbe chiudere davanti. Morbidelli è il Rookie of the Year ed è stato campione del mondo Moto2 l’anno scorso. Avrà una moto della stessa annata di quelle di Maverick Vinales e Valentino Rossi, cioè una Full Factory con le evoluzioni, cioè qualcosa che non abbiamo mai avuto in Tech3, quindi sarà vicino a Valentino Rossi e Maverick Vinales. Sarà molto molto forte e abbiamo visto che Fabio Quartararo, che per me è il più talentuoso giovane pilota che arriva in MotoGP, ha completato degli ottimi primi test sulla Yamaha M1.

“Tutto questo quindi è a favore di Franco Morbidelli ed a Fabio Quartararo rispetto a quello che saremo in grado di fare con una moto che è ancora per il momento lontana dalle prestazioni degli altri. I piloti sono bravi, ma l’intero pacchetto KTM-Hafizh Syahrin-Miguel Oliveira, con tutto il rispetto che posso avere per la moto e per ognuno dei 2 piloti, dovrebbe essere inferiore a Morbidelli-Quartararo-Yamaha M1. Detto questo, la scommessa di cui parla è una sorta di sfida e ci ecciterà di più: anche se la montagna sarà difficile da scalare, faremo di tutto per cercare di batterlo. E se per caso in alcune gare saremo di fronte a lui, non mancheremo di sottolinearlo.

“Comunque è divertente: Razlan Razali è un mega sportivo e mi piace. Fa triathlon, si allena molto ed è anche parzialmente responsabile della caduta di Hafiz Syahrin durante il Gran Premio di Jerez. Ma lui è un grande: è la base per il Gran Premio della Malesia, gestisce il circuito di Sepang, è stato lui che ha portato lo sponsor Petronas nelle moto, è lui che gestisce i team Moto3 e Petronas Moto2, e si è anche occupato di Hafizh Syahrin. Abbiamo un’ottimo rapporto, anche a livello personale, e sono molto felice che sia lui a succederci in Yamaha, perché è una brava persona e penso che abbia una buona squadra.

“Mi aveva già sfidato su una moto e ora me ne lancia un’altra a livello di squadra. Sarà complicato ma, visto che siamo sempre così pazzi e abbiamo sempre la stessa passione, lavoreremo e lo riprenderemo! L’idea mi piace” conclude con una risata.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MXGP: clamoroso Jeffrey Herlings già in moto!

MotoGP: Più aerodinamica per Rossi nel 2019

MXGP: Tony Cairoli e Lamborghini insieme in pista