Moto2: migliorano le condizioni di Alejandro Marinelarena

Il portacolori Tech 3 torna in Spagna per il recupero

22 marzo 2014 - 12:30

Le condizioni di Alejandro Mariñelarena sono in netto miglioramento. Lo scorso 27 febbraio il pilota del team Tech3 è rimasto vittima di una caduta nel corso di un test privato sul circuito del Paul Ricard. Trasferito all’ospedale Saint-Anne di Lione in seguito a diverse perdite di conoscenza, i medici hanno indotto in coma farmacologico il vice-Campione CEV Moto2 in carica.

Ora il pilota spagnolo ha lasciato la Francia ed è stato trasferito a Pamplona presso la Clínica de Navarra. Il talentuoso pilota spagnolo parla e si muove normalmente ma sarà necessario ancora un periodo di circa 4 settimane per poter recuperare sia dalla violento colpo alla testa subito che dalla fratturata una scapola destra, che ha costretto i medici ad immobilizzare l’arto.

Herve Poncharal, proprietario Tech 3, può tirare un sospiro di sollievo: “E’ una buona notizia. Abbiamo trascorso molti giorni in ospedale, anche con la sua famiglia. Il fatto che sia stato trasferito in Spagna indica che la sua condizione fisica è migliorata molto. Parla e si muove normalmente“, il manager francese ha aggiunto a MotoGP.com: “Sono molto contento perché abbiamo vissuto momenti difficili. I primi giorni dopo l’incidente non sono stati positivi ma il recupero è stato sorprendentemente veloce. Alex è pieno di energia e forza“.

Poncharal ha concluso dicendo: “Le lesioni più gravi sono state alla testa ma il recupero procede correttamente. Alex ha anche subito un intervento chirurgico alla scapola destra. Questo richiederà un periodo di convalescenza di quattro settimane prima di iniziare la riabilitazione ma per me l’importante è capire come si sente. Per prima cosa è necessario tornare alla vita normale e siamo felici che ritorni a casa. E’ un grande passo avanti“.

Christian Tarragoni

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci: “Dovi ed io diamo il massimo, ma non basta”

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”