Moto2: Josh Herrin pronto per il debutto mondiale

Difenderà i colori Caterham il Campione AMA Superbike

27 gennaio 2014 - 4:45

Il Campione AMA Superbike in carica, capace di batter nel confronto diretto il più quotato (e tri-Campione) compagno di squadra Josh Hayes, all’esordio nel mondiale Moto2. La stagione 2014 della “middle class” accoglierà tra gli attesi “rookie” Josh Herrin, 23enne originario di Glendale (California), già vincitore della 200 miglia di Daytona e dal 2006 pilota ufficiale Yamaha Motor Corporation U.S.A. nei principali campionati AMA Pro Road Racing (Supersport, Daytona SportBike, Superbike). Ingaggiato dall’esordiente Caterham Moto Racing Team, Herrin ha già provato la Suter MMX2 lo scorso mese di novembre tra Jerez de la Frontera ed Almeria. In attesa di tornare in sella alla propria Caterham-Suter, Josh nei giorni scorsi è stato al Circuit of the Americas di Austin per un evento promozionale in vista del Red Bull Grand Prix of the Americas 2014 dove ha avuto modo, con una Yamaha R6 del Graves Motorsports, di scoprire le peculiarità del COTA. “Tutti i piloti dei campionati AMA sognano, prima o poi, di correre nel Motomondiale“, spiega Josh Herrin. “Per me questa rappresenta l’opportunità di una vita, il concretizzarsi di un sogno inseguito da tempo.

Sarò l’unico pilota americano in Moto2, per me è una ragione d’orgoglio, non sento la pressione: in MotoGP ci saranno Nicky (Hayden) e Colin (Edwards), per quanto mi riguarda cercherò di fare del mio meglio. Immagino sarà emozionante per me correre ad Austin: tornerò “a casa”, darò il massimo. Lo scorso anno ho presenziato da spettatore al GP di Valencia ed è stato incredibile con oltre 100 mila presenti… Spero sarà così anche al COTA

“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e Francesca Novello a Misano

Francesca Novello e il primo incontro con Valentino Rossi: “Che figo!”

MotoGP, Pecco Bagnaia a Misano

MotoGP, Ducati KO a Misano: la maledizione della curva 15

casadei torres motoe

MotoE 2022: Mattia Casadei in Pons Racing col campione Torres